germogli soia cetrioli

Germogli di soia

Batterio killer: colpa dei germogli di soia? I dati epidemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Germogli di soia all’origine dell’epidemia causata dal batterio E.coli? Potrebbe essere.

Provenienti dalla Bassa Sassonia (l’azienda agricola che produce germogli di soia è stata chiusa), tocca ora a questi germogli salire sul banco degli imputati, dopo i cetrioli e il salame di cervo.

Le autorità sanitarie tedesche precisano, però, che non ci sono ancora prove certe, ma per ora ci sarebbero tutte le indicazioni per consigliare ai consumatori di non mangiare il prodotto.

Secondo quanto riferisce la Coldiretti, i germogli di soia sarebbero diffusi in un mercato di nicchia molto ristretto, che riguarda per lo più la cucina etnica e i vegetariani. In Italia sono consumati in estate da soli o come condimento e sono venduti in buste, vassoi o in scatola, mentre molti li coltivano in casa.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE (dati dell’OMS del 5 giugno h.10.00):

  • In Germania 627 casi di sindrome emolitico-uremica (HUS o Seu), di cui 15 mortali
  • 1536 di Escherichia coli enteroemorragico (Ehec) in Germania, di cui 6 mortali
  • Negli altri Paesi: 11 altri Paesi europei riportano un totale di 31 casi di HUS (con 1 decesso) e 71 di Ehec

Germana Carillo

LEGGI ANCHE:

E.COLI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook