ru486

RU486, in poche la scelgono. Roccella mette in guardia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La pillola abortiva sembra non riscuotere molto successo. In Liguria, ad esempio, solo una donna ha scelto il nuovo metodo per abortire. Ma al momento è l’unico caso ad aver preferito la RU486, rispetto al tradizionale intervento.

Ciò non significa che non vi siano stati aborti – se ne contano dieci – ma che le altre donne non l’hanno scelta. Alessio Parodi, direttore generale dell’ospedale di Sampierdarena, dove avverrà il trattamento con la pillola abortiva ha riferito: “Nessuno ci ha chiesto la pillola“.

Dicono lo stesso anche altri colleghi. “Dieci Ivg per questa settimana ed altrettante per la prossima – dice il direttore sanitario del San Martino, Gianni Orengo – ma tutte col vecchio metodo“. Stessa situazione anche negli ospedali di Imperia, Sanremo, Lavagna, La Spezia, Savona e Santa Corona di Pietra Ligure.

Pier Luigi Venturini, coordinatore regionale della rete dei ginecologi, sposta però l’attenzione su un altra considerazione: “Le difficoltà sono le sette settimane entro le quali si può praticare l’aborto farmaceutico. I tempi di somministrazione sono di appena 15 giorni dal ritardo dell’ultima mestruazione e non consentono una scelta serena e ponderata“.

La decisione di abortire dovrebbe invece essere a lungo presa in esame, cosa che con i tempi della pillola abortiva non è possibile. A mettere in guardia su questa tecnica è anche il sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella, che ai microfoni di UnoMattina ha ribadirto la sua posizione: “La prevenzione dell’aborto diventerà impossibile se si diffonde a macchia d’olio l’uso della pillola RU486′‘. E in merito al ricovero in ospedale aggiunge: “È vero che se una donna firma per lasciare l’ospedale non può essere trattenuta perché non si tratta di un sequestro ma l’aborto farmacologico può essere equiparato in termini di sicurezza a quello chirurgico, solo a patto che la donna sia sotto il diretto controllo dei medici in ospedale. La sua mortalità è dieci volte superiore rispetto a quello chirurgico’‘.

Conclude infine: “Questo non è l’aborto facile, ma è un aborto più difficile, più rischioso, più doloroso e con una sicurezza minore, molte più complicazioni“.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.