Social network: valido aiuto per monitorare le epidemie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fronteggiare velocemente un’epidemia grazie ai social network.

Potrebbe essere questo il nuovo strumento per risparmiare tempo in casi di estrema urgenza secondo gli analisti della Harvard Medical School e del Children’s Hospital di Boston.

Gli studiosi hanno preso in esame il caso del colera scoppiato ad Haiti dopo il terremoto del gennaio 2010 e hanno confrontato i dati dei “media informali” con quelli delle fonti tradizionali come cliniche e ospedali tramite un software chiamato HealthMap, online dal 2006, in grado di controllare automaticamente post o pubblicazioni che contenevano la parola “colera”, consentendo così l’accesso a blog, giornali online, forum e tweet in ben 8 lingue differenti.

La corrispondenza con le rilevazioni ufficiali è risultata subito sorprendente: per i primi giorni di contagio il tasso di riproduzione era secondo i dati ufficiali tra l’1,27 e il 3,72, mentre per quelli dei media informali oscillava da 1,54 a 6,89; dopo l’arrivo dell’Uragano Tomas, che ha colpito Haiti nel novembre 2010, i dati registrati dalle statistiche ufficiali variavano tra 1,06 e 1,73, mentre erano tra 1,04 e 1,51 secondo le rilevazioni da Twitter e social network.

È chiaro, allora, come questo tipo di rilevazioni possano affiancarsi a quelle ufficiali nei casi in cui determinate epidemie minaccino la salute pubblica e c’è bisogno di tempestività nelle azioni. “Le stesse tecnologie che abbiamo usato ad Haiti potrebbero essere utili anche nel resto del mondo, come metodo efficiente e soprattutto veloce di monitorare le epidemie o, addirittura, di scovarne le prime manifestazioni, così che si possa intervenire tempestivamente con vaccini e antibiotici“, ha spiegato Rumi Chunara, ricercatrice del programma informatico del Children’s Hospital di Boston e della Harvard Medical School, e prima autrice dello studio. “Chiaramente – prosegue – questi dati non dovrebbero sostituire quelli ufficiali. Semmai potrebbero essere usati in maniera complementare, visto che riescono a dare un quadro in tempo reale delle dinamiche di diffusione della malattia, e ci permettono di fare stime per come evolveranno“.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.