Gestire l’incontinenza: traverse letto e slip assorbenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si definisce incontinenza urinaria l’incapacità di trattenere l’urina. Stiamo parlando di una disfunzione abbastanza diffusa, che colpisce in modo particolare il genere femminile e soprattutto i soggetti anziani. Dobbiamo però comprendere che il disturbo colpisce entrambi i generi e si può presentare in diversi periodi della vita. Le cause dell’incontinenza sono moltissime e il disturbo si presenta sotto varie forme; in buona parte dei casi si tratta di un disturbo sempre presente, ma per alcuni soggetti si manifesta solo sporadicamente.

Diversi tipi di incontinenza

L’incontinenza di può manifestare per diverse cause e in differenti forme. Per molti soggetti i problemi principali correlati all’incontinenza sono di tipo sociale; chi soffre di questo disturbo tende in molti casi a vergognarsene, evitando gli incontri con altre persone. Ci sono vari ausili, come ad esempio le traverse letto o i pannoloni, che consentono di gestire l’incontinenza in modo efficace, rendendone i sintomi meno problematici. Anche considerarne le cause può essere un passo verso il controllo del problema, ma non sempre verso una soluzione definitiva. L’incontinenza può essere correlata a problemi di svuotamento della vescica; in questi casi si manifesta quando la vescica è eccessivamente piena. In alcuni casi si manifesta solo sotto stress, a causa di un colpo di tosse, uno sforzo o situazioni simili. Ci sono soggetti che invece manifestano l’incontinenza da urgenza: la necessità impellente di urinare, in modo immediato e impossibile da controllare.

Le cause dell’incontinenza

Visto che questo disturbo può colpire soggetti di varie fasce di età, è chiaro che anche le cause possono essere molteplici. Le donne ne possono soffrire in alcuni precisi periodi della loro vita; ad esempio dopo un parto o nel periodo della premenopausa. In questi casi si tratta di una problematica correlata con la tonicità della muscolatura del pavimento pelvico. Per gli uomini con prostata ingrossata, o che hanno subito un intervento di rimozione della prostata a causa di una patologia, l’incontinenza può manifestarsi nel corso della notte, o anche ogni volta in cui sentono la necessità della minzione. L’assunzione di alcuni farmaci, come ad esempio i diuretici, può portare a incontinenza. Negli anziani può trattarsi anche di una problematica di tipo neurologico, che diminuisce la possibilità di mantenere il perfetto controllo degli sfinteri.

Come gestire l’incontinenza

Chiaramente il primo passo utile a gestire l’incontinenza consiste nel recarsi dal medico di famiglia, per chiedere un consiglio, in modo da scoprirne le cause. Per tutto il periodo in cui il problema si manifesta è importante cercare di arginarlo, in modo da non sentirsi costretti a ridurre i rapporti sociali e interpersonali, per limitare il peso emotivo di questa problematica. In commercio si trovano comode traverse letto, che permettono di limitare la dispersione dell’urina sugli arredi o sul materasso su cui si riposa. Quando il disturbo si manifesta in modo improvviso e frequente è anche possibile approfittare delle mutandine assorbenti, oggi disponibili in varie versioni e modelli. Si tratta di veri e propri pannoloni, dalle dimensioni compatte e che si indossano come normali slip.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.