Giradito: i rimedi naturali più efficaci per combatterlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il patereccio, meglio conosciuto come giradito, è un’infiammazione che può riguardare sia mani che piedi e provoca fastidio, vesciche, gonfiore e arrossamento. Solitamente è provocata da batteri che attecchiscono, facilitati dalla presenza di piccole lesione sulle dita o da un’unghia incarnita. Spesso a monte di un giradito vi è il brutto vizio di mangiarsi pellicine e unghie, ma può anche essere la conseguenza di una manicure o pedicure non eseguita bene.

In poco tempo il giradito può trasformarsi in  un problema piuttosto fastidioso, oltre che antiestetico. Come agire, quindi, per combattere questa infiammazione? Esistono dei rimedi naturali davvero efficaci? Fortunatamente sì. Vediamo quali possono aiutarci a risolverla.

Acqua e sale

La combinazione acqua e sale è un ottimo rimedio disinfettante, oltre ad essere a basso costo. Si consiglia di immergere (per almeno 10 minuti) il dito infiammato in una soluzione di acqua tiepida più un cucchiaino o due di sale, ripetendo l’operazione 3 o 4 volte al giorno. Questo metodo vi aiuterà a  sgonfiare il dito e a far seccare eventuale pus.

Tea tree oil

Questo antibiotico e antisettico naturale rappresenta un valido alleato contro il giradito. Conviene, però, non utilizzarlo puro, ma diluirne qualche goccia (ne bastano 2/3) in olio di mandorle dolci o di jojoba e ripetere l’operazione un paio di volte al giorno. Dopo avere applicato la soluzione a base di olio sul giradito, non resta che coprire con una garza o un cerotto.

Limone

È un altro ingrediente naturale utilissimo grazie al suo forte potere disinfettante. Basta dividere un limone a metà e fare un buco al centro per poi inserire il dito in questione per circa 30 minuti al giorno.

Calendula

Un altro rimedio naturale è rappresentato dall’infuso o la tintura madre di calendula, diluita in acqua. Per una guarigione più veloce è consigliabile fare gli impacchi più volte al giorno.

Arnica

Una soluzione efficace e pratica è sicuramente l’uso di una pomata a base di arnica, che contribuisce a diminuire il gonfiore e il dolore causati dal giradito. La pomata può essere applicata diverse volte al giorno, avendo cura che venga completamente assorbita.

Malva

Anche la malva è dotata di un forte potere antinfiammatorio e un semplice infuso di questa pianta (in cui va immerso il dito infiammato più volte durante la giornata) può aiutare a combattere il giradito.

Olio di oliva

Un altro rimedio casalingo contro il giradito, soprattutto per prevenirlo è quello di immergere le mani in una bacinella piena di  olio di oliva tiepido, che aiuta ad ammorbidire la pelle e a tenere lontane le infezioni.

Farina di riso e semi di lino

Un impacco molto efficace per ridurre l’infiammazione è quello realizzato con farina di riso e semi di lino tritati (in alternativa può andare bene anche la farina di lino). Basta miscelare i due ingredienti, unendo un po’ d’acqua fino a formare un composto denso che va tenuto sul dito in questione per circa un quarto d’ora.

Cipolla e aglio

Le proprietà antibatteriche di questi due alimenti sono rinomate. Aglio e cipolla si rivelano utili anche per contrastare il giradito. Basta frullare un pezzo di cipolla e uno spicchio d’aglio insieme a qualche cucchiaio d’acqua e spalmare il composto ottenuto sul dito. Si può ripetere l’operazione più volte al giorno.

Cataplasma di verbasco

Rappresenta un’altra medicazione molto valida per risolvere il problema del giradito. L’uso di questa pianta è consigliata anche in caso di piaghe, geloni, emorroidi ed eczemi. Si consiglia di far bollire nel latte per circa 5 minuti le foglie secche di verbasco. Dopo averle lasciate raffreddare, vanno applicate sul dito infiammato. In alternativa, si può immergere il giradito nell’impiastro curativo per un quarto d’ora.

Fonte: GreenMe

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.