Infarto: al secondo si rischia la vita 3 volte in più del primo

secondo infarto rischi vita

Ogni anno 80 mila persone in Italia hanno per la prima volta un infarto. 50 mila quelle che, invece, sono colpite da un secondo episodio. Ed è questo secondo evento che incide tre volte in più del primo infarto: un paziente su 5 muore, in questo caso, entro l’anno.

Sono i dati che emergono in occasione dell’inizio della campagna “Il Valore della Vita”, promossa da Anmco, l'associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri e dalla Fondazione Per il tuo cuore Onlus, con il supporto di AstraZeneca.

Tra i pazienti colpiti da un secondo infarto, si contano 10 mila decessi, almeno metà dei quali si possono evitare con la prevenzione, cure costanti e stili di vita sani.
Con l'uso di farmaci adeguati e di terapie costanti - spiega Marino Scherillo, presidente Anmco - potremmo dimezzare il pericolo di un secondo infarto e la conseguente mortalità. Purtroppo un anno dopo l'infarto solo un paziente su due segue cure appropriate. E le donne e i pazienti con meno di 60 anni sono le categorie con il più elevato tasso di abbandono delle cure perché ne sottovalutano l'importanza e si considerano, a torto, meno a rischio degli altri''. Inoltre, “meno della metà corregge le proprie abitudini alimentari, appena uno su 10 abbandona la sigaretta, il 70% non fa esercizio fisico.

Germana Carillo