Matrimonio felice? Te lo rivelano le foto

Matrimonio felice? Te lo rivelano le foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Volete sapere se il vostro matrimonio sarà felice? Non c’è più bisogno di rivolgersi a chiromanti e veggenti e neanche di cercare il futuro nei fondi dei caffè o nelle stelle… basta osservare le foto dell’infanzia per avere tutte le risposte di cui si ha bisogno.

Vi state chiedendo se è magia nera o Voodoo? Niente di tutto questo: è solo scienza. Infatti, secondo uno studio statunitense, la possibilità di essere coniugi felici e protagonisti del meraviglioso film “Matrimonio sereno” è maggiore se da piccoli si è stati sorridenti.

I ricercatori della DePauw University, nello stato dell’Indiana ha monitorato 650 volontari, tra i 21 e gli 87 anni, raccogliendo e analizzando gli scatti di quando erano bambini, concentrandosi in particolare sul sorriso, di cui è stata misurata l’intensità.

In seguito sono stati incrociati i dati con le informazioni su matrimoni, separazioni, divorzi ed è risultato che l’intensità del sorriso da bambini è correlato a eventuali divorzi: chi lo accennava appena, aveva il triplo delle probabilità di veder naufragare il proprio matrimonio.

Gli studiosi, che hanno pubblicato la loro ricerca sul periodico Motivation and Emotion, spiegano che chi è cresciuto in un ambiente felice, sereno e positivo è più facilmente portato, e maggiormente capace, di riprodurlo quando sarà il suo turno di costruirsi una famiglia. Maggiori difficoltà incontrano coloro che hanno avuto un’infanzia difficile e tormentata, con poca gioia e comprensione ricevute da parte dei propri familiari.

Se la vostra infanzia non è stata un’oasi di pace, non temete, le teorie non vanno mai assolutizzate e le eccezioni esistono e sono possibili. Sicuramente questo studio ci ricorda l’importanza della famiglia e del sorriso nella vita di ogni persona e ci dà un motivo in più per far ridere i bambini, ricordate che vanno bene anche quelli degli altri! E ora se permettete, vado a cercare i miei vecchi album, perché il futuro è “impresso” nel passato.

Manuela Marino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Facebook