vaccino

Il Covid-19 è colpa dei cambiamenti climatici?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le emissioni globali di gas serra nell’ultimo secolo hanno reso la Cina meridionale un hotspot per i coronavirus trasmessi dai pipistrelli, influenzando la crescita dell’habitat forestale favorito dai pipistrelli.

Ad affermarlo è un nuovo studio pubblicato pochi giorni fa sulla rivista Science of the Total Environment, e in grado di fornire quella che sarebbe la prima prova di un meccanismo attraverso il quale il cambiamento climatico potrebbe aver giocato un ruolo diretto nell’emergere della SARS-CoV-2, il virus che ha causato la pandemia COVID-19.

Lo studio ha in particolar modo rivelato cambiamenti su larga scala nel tipo di vegetazione nella provincia meridionale cinese dello Yunnan, e nelle regioni adiacenti in Myanmar e nel Laos, nell’ultimo secolo. I cambiamenti climatici tra cui l’aumento della temperatura, della luce solare e dell’anidride carbonica atmosferica – che influenzano la crescita di piante e alberi – hanno dunque profondamente modificato gli habitat naturali da arbusti tropicali a savana tropicale e boschi decidui, generando un ambiente adatto a molte specie di pipistrelli che vivono prevalentemente nelle foreste.

Per lo studio, il numero di coronavirus in una zona è strettamente legato al numero di diverse specie di pipistrelli presenti. Lo studio ha scoperto che altre 40 specie di pipistrelli si sono spostate nella provincia meridionale cinese dello Yunnan nel secolo scorso, ospitando circa 100 tipi in più di coronavirus trasmessi dai pipistrelli. Questo “hotspot globale” è la regione dove i dati genetici suggeriscono che la SARS-CoV-2 potrebbe essere nata.

Il cambiamento climatico nel corso dell’ultimo secolo ha reso l’habitat nella provincia meridionale cinese dello Yunnan adatto a più specie di pipistrelli“, ha detto il dottor Robert Beyer, un ricercatore del Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge e primo autore dello studio, che ha recentemente preso una borsa di ricerca europea presso il Potsdam Institute for Climate Impact Research, Germania. Ha dunque aggiunto che “capire come la distribuzione globale delle specie di pipistrelli si è spostata a causa del cambiamento climatico può essere un passo importante per ricostruire l’origine dell’epidemia COVID-19″.

Per ottenere tali risultati, i ricercatori hanno creato una mappa della vegetazione del mondo come era un secolo fa, utilizzando le registrazioni di temperatura, precipitazioni e copertura nuvolosa. Poi hanno usato le informazioni sui requisiti della vegetazione delle specie di pipistrelli del mondo per calcolare la distribuzione globale di ogni specie all’inizio del 1900. Il confronto con le distribuzioni attuali ha permesso loro di vedere come la “ricchezza di specie” dei pipistrelli, il numero di specie diverse, è cambiata in tutto il mondo nell’ultimo secolo a causa del cambiamento climatico.

Come il cambiamento climatico ha alterato gli habitat, le specie hanno lasciato alcune aree e si sono spostate in altre – portando i loro virus con loro. Questo non solo ha alterato le regioni in cui i virus sono presenti, ma molto probabilmente ha permesso nuove interazioni tra animali e virus, causando la trasmissione o l’evoluzione di virus più dannosi“, ha detto Beyer.

Ancora, i ricercatori sottolineano come la popolazione mondiale di pipistrelli annoveri circa 3.000 tipi diversi di coronavirus, con ogni specie di pipistrello che ospita una media di 2,7 coronavirus – la maggior parte senza mostrare sintomi. Un aumento del numero di specie di pipistrelli in una particolare regione, guidato dal cambiamento climatico, può aumentare la probabilità che un coronavirus dannoso per gli esseri umani sia presente, trasmesso o si evolva lì.

La maggior parte dei coronavirus portati dai pipistrelli non possono passare agli esseri umani. Ma diversi coronavirus noti per infettare gli esseri umani sono molto probabilmente originati nei pipistrelli, compresi tre che possono causare vittime umane: La sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) CoV, e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) CoV-1 e CoV-2.

La regione identificata dallo studio come un hotspot per un aumento della ricchezza delle specie di pipistrelli dovuto al clima è anche sede di pangolini, che sono suggeriti per aver agito come ospiti intermedi per la SARS-CoV-2. È probabile che il virus sia passato dai pipistrelli a questi animali, che sono stati poi venduti in un mercato della fauna selvatica a Wuhan, dove si è verificato il focolaio umano iniziale.

I ricercatori fanno dunque eco agli appelli di studi precedenti che sollecitano i responsabili politici a riconoscere il ruolo del cambiamento climatico nelle epidemie di malattie virali, e ad affrontare il cambiamento climatico come parte dei programmi di recupero economico della COVID-19.

La pandemia di COVID-19 ha causato enormi danni sociali ed economici. I governi devono cogliere l’opportunità di ridurre i rischi per la salute dalle malattie infettive intraprendendo azioni decisive per mitigare il cambiamento climatico“, ha detto il professor Andrea Manica del Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge, che è stato coinvolto nello studio.

Il fatto che il cambiamento climatico possa accelerare la trasmissione di agenti patogeni della fauna selvatica agli esseri umani dovrebbe essere un urgente campanello d’allarme per ridurre le emissioni globali“, ha aggiunto il professor Camilo Mora dell’Università delle Hawaii a Manoa, che ha avviato il progetto.

I ricercatori hanno quindi sottolineato la necessità di limitare l’espansione delle aree urbane, dei terreni agricoli e delle zone di caccia nell’habitat naturale per ridurre il contatto tra gli esseri umani e gli animali portatori di malattie.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, collabora dal 2005 con alcuni dei principiali network nazionali dell'informazione online.