bambini in viaggio

Bambini in viaggio: i consigli dei pediatri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche per i bimbi è tempo di vacanze e, perché no, di un bel viaggetto con mamma e papà. Per l’occasione, i pediatri raccomandano di tenere bene a mente alcune semplici regole.

A illustrarcele è Alberto Ugazio, presidente della Società Italiana di Pediatria, che osserva come “negli ultimi anni si è assistito a un progressivo aumento del numero di viaggi, anche verso destinazione lontane, che coinvolgono tutti i componenti il nucleo familiare, compresi bambini molto piccoli”.

Ecco allora il promemoria per una vacanza a misura di bambino:

  • Se l’età lo consente, coinvolgete i vostri bambini nell’organizzazione del viaggio, mostrando loro i posti che visiterete e cercando di renderli il più interessanti possibile
  • Se viaggiate in aereo, al momento del decollo e in quello dell’atterraggio offrite ai più piccoli un biberon, ai più grandi un chewingum da masticare nel corso delle manovre
  • Mettete in valigia gli oggetti cui i vostri bimbi sono più affezionati
  • Stilate un buon programma di viaggio, ma di volta in volta tenete conto di ciò che i bambini desiderano fare
  • Prima e durante il viaggio fate mangiare loro cibi leggeri, digeribili e in ridotte quantità, per ridurre il rischio di cinetosi (mal di moto)
  • Fateli bere molto: il caldo e l’aria condizionata aumentano la quantità di liquidi persi attraverso sudorazione e traspirazione. Offrite loro acqua minerale, tè o succhi di frutta diluiti, mai troppo freddi, che dissetano e reintegrano i sali minerali senza appesantire con troppe calorie
  • Mettetevi in viaggio con una con una scorta di snack: biscotti, cracker, piccoli panini e omogeneizzati così da poter essere autonomi per alcune ore
  • Per i più piccoli ricordatevi un cambio adeguato di pannolini e vestiti confortevoli e per chi viaggia in aereo anche una copertina
  • Ricordate sempre le misure di igiene: non dimenticate dunque di avere con voi salviettine umide e gel disinfettante per le mani, fazzolettini, bicchieri monouso e copriwater di carta
  • Le più frequenti forme di “diarrea del viaggiatore” possono essere prevenute evitando l’assunzione di cibi poco cotti, frutta che non si possa sbucciare e verdura cruda, salse fatte in casa, dolci e budini di produzione artigianale, ghiaccio e acqua non imbottigliata o ben sigillata
  • Portate sempre con voi un’adeguata farmacia da viaggio che contenga almeno un termometro, cerotti e disinfettanti, disinfettante per ciucci e biberon, paracetamolo per la febbre, fermenti lattici, soluzioni reidratanti orali, un antibiotico a largo spettro che non richieda di essere conservato in frigorifero una volta ricostituito e una soluzione fisiologica. Inoltre, creme solari ad alta protezione, cappellino e occhiali da sole, una pomata per eventuali scottature e un collirio
  • Informatevi se il luogo di vacanza prescelto richiede determinate vaccinazioni o profilassi. In tal caso informatevi per tempo rispetto al tipo di vaccino o profilassi necessaria (il farmaco e la modalità di somministrazione possono infatti variare in base all’età) e alle tempistiche
  • Alcune vaccinazioni o profilassi devono essere effettuate anche mesi prima per permettere di risultare già immuni al momento della partenza

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.