Camminare da bambini previene da malattie cardiovascolari

schiena bambini

Camminare, si sa, fa molto bene: mantiene allenato il corpo, aiuta a rilassarsi e viene consigliato spesso anche a chi ha avuto malattie cardiovascolari perché contribuisce a far fare il giusto allenamento al cuore. È buona cosa imparare fin da piccoli questa salutare abitudine, si può iniziare anche semplicemente dal fatto di accompagnare i bimbi a scuola a piedi (quando possibile) invece che prendere autobus o macchina.

Questa semplice ma ottima abitudine potrebbe aiutare tanti bambini del presente (anziani del futuro) a prevenire malattie cardiovascolari, la prima causa di morte nei paesi "sviluppati". Infatti è proprio una leggera ma costante attività fisica il metodo migliore per ridurre il rischio di ammalarsi unita ovviamente ad una sana alimentazione.

A sottolineare tutto questo è stato il segretario scientifico dell'Associazione lotta alla trombosi (Alt), Marco Moia, durante la presentazione di Gazzetta Cup a Milano: ''L'attività fisica e sportiva sono fondamentali per ridurre il rischio cardiovascolare, e insieme all'eliminazione del fumo e il controllo del peso sono la strategia vincente contro quest'epidemia che ci colpirà nei prossimi 20 anni''.

Moia ha poi spiegato perché bisogna iniziare da bambini "Andare a scuola camminando riduce il peso corporeo e migliora la situazione metabolica. Inoltre andrebbero aumentate le ore scolastiche di attività fisica. Ogni bambino dovrebbe fare almeno un'ora al giorno di attività fisica, anche solo correndo in cortile. Senza una strategia di prevenzione la spesa per la presa in carico di queste malattie diventerà insostenibile per il Ssn e a pagarne il prezzo saranno le fasce più povere della popolazione''.

Leggi anche:

- Città per camminare: ecco 4 buoni motivi per cui camminare fa bene

- Elisir di lunga vita? Una camminata veloce: preserva il cuore e il cervello