Bambini: anche d'inverno fateli giocare all'aria aperta

bambini aria aperta inverno

Il segreto per non far ammalare i nostri pupi (o farli ammalare meno frequentemente)? Concedere loro più giochi all'aria aperta, anche d'inverno. Fuori, infatti, corrono molto meno rischi infettivi di quando si trovano in locali chiusi.

A sostenerlo è la Professoressa Susanna Esposito, Direttore della UOC Pediatria 1 Clinica della Fondazione Policlinico di Milano e Presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP), che afferma: "Con l'arrivo delle temperature fredde, i genitori hanno paura di lasciare i figli all'aria aperta, perché temono per la loro salute. In realtà, se ben coperti e portati fuori nelle ore centrali della giornata, hanno minori possibilità di essere esposti agli agenti infettivi di quante ne hanno se rimangono a lungo in luoghi poco areati. Infatti, i contatti ravvicinati con altri bambini o, più in generale, con i soggetti malati, sono una delle principali modalità di trasmissione delle malattie infettive".

Come coprirli

Un po' più di una persona adulta: non dimenticate mai sciarpa, cappello e guanti per evitare otiti e bronchioliti (le bronchioliti che si manifestano inizialmente con rinite, tosse lieve e febbre. Dopo uno o due giorni, si verificano un aumento della tosse e della frequenza respiratoria). Inoltre, se gli indumenti si bagnano giocando nella neve o sciando, vanno asciugati accuratamente. Oltre a questi accorgimenti, per evitare influenze e raffreddori, i pediatri della SITIP raccomandano di:

  1. arieggiare almeno una o due volte al giorno gli ambienti chiusi
  2. evitare contatti con soggetti malati (inclusi parenti anche di età adulta con sintomi respiratori modesti)
  3. non esporre i bambini a fumo passivo
  4. privilegiare, nei bambini con meno di tre anni di età, vacanze in luoghi con clima relativamente mite (mare, campagna, collina)
  5. coprire adeguatamente i bambini che vanno in vacanza in montagna e cambiarli qualora si bagnassero a contatto con la neve

LEGGI ANCHE: PASSEGGIATE ALL'APERTO, COME COPRIRE IL PUPO D'INVERNO

Infine, Esposito dichiara: "Con l'arrivo delle feste, le persone si ritrovano in gruppi, quindi aumenta la circolazione dei principali virus che interessano le vie aeree, tra cui il virus respiratorio sinciziale, i virus influenzali e i rhinovirus. Particolare attenzione va prestata ai bambini dei primi 12 mesi di vita, perché sono particolarmente a rischio di bronchiolite, tanto che spesso si rende necessario il ricovero per difficoltà respiratorie e conseguenti problematiche ad alimentarsi. Nei più grandi, invece, l'esposizione al freddo in presenza di infezioni virali può favorire la comparsa di sovrainfezioni batteriche e il manifestarsi di polmoniti".

È importante, inoltre, fare visitare il bambino, soprattutto se alla febbre prolungata, si associano tosse e dolore toracico.