Aereo in gravidanza: 7 regole per viaggiare sicure

immagine

Se siete in dolce attesa e state progettando la vostra vacanza, non abbiate paura di prendere l’aereo, considerato dagli esperti un mezzo di trasporto abbastanza sicuro e comunque non dannoso per le donne incinte.

Dopo avervi fornito le risposte ai dubbi più comuni durante la gravidanza, non potevamo non equipaggiarvi di piccoli consigli che vi permetteranno di viaggiare rilassate e in assoluta tranquillità.

Quindi, ecco a voi le 7 regole per viaggiare sicure

1) Innanzitutto, prima di prendere qualsiasi decisione, è bene informare il proprio medico su programmi di viaggio e spostamenti che si intendono fare, in modo tale da valutare possibili complicazioni e cercare di avere sempre la soluzione a portata di mano. In questo caso il mese di gestazione di riferimento è importante.

2) È utile anche sapere che il periodo migliore per viaggiare in aereo è il secondo trimestre (4°, 5° e 6° mese) perché tutti i fastidi dei primi mesi di gravidanza e anche il rischio di aborto spontaneo diminuiscono al minimo possibile. Durante l’8° e 9° mese è possibile volare, ma conviene avere una buona rete di supporto nel posto in cui ci si reca ed informare il personale di volo di eventuali problematiche in corso.

3) È consigliato, poi, per qualsiasi evenienza, portare con sé il certificato medico che attesti lo stato interessante e il mese di gestazione ed evitare di andare in paesi in cui è necessaria la vaccinazione: per quest’ultimo problema è fondamentale consultare il medico nel caso sia strettamente necessario intraprendere una profilassi particolare.

4) Inoltre, sull’aereo, è bene farsi assegnare un posto esterno con sufficiente spazio per le gambe, per poter camminare nei corridoi, andare in bagno e potersi muovere liberamente in caso di nausee.

5) I lunghi viaggi possono aumentare il rischio di trombosi (già incrementato dalla gravidanza stessa), e vene varicose alle gambe: si consiglia, quindi, di indossare calze che contengano, di tenere sollevate le gambe (se possibile) e di muoversi spesso per evitare i crampi. Piccoli esercizi di stretching, poi, che implichino il movimento dei piedi, faciliteranno la circolazione del sangue. È preferibile anche indossare un paio di pantofole per lasciare il piede libero.

6) Una volta a bordo, le cinture di sicurezza devono essere allacciate sebbene possa risultare difficile o fastidioso. Le cinture durante la gravidanza proteggono sia te che il tuo bimbo!

7) Infine, prima di ogni prenotazione, conviene informarsi sulle regole di viaggio delle singole compagnie aeree: molte di esse, per precauzione, non permettono di volare alle donne oltre le 36° settimane di gravidanza.

Prendete un appunto, preparate la valigia e recatevi in aeroporto per il check-in. Non dovrete far altro che godervi, serene e tranquille, le vacanze con i vostri cari e soprattutto con il “prossimo arrivo”!

Fabrizio Giona