Papà in sala parto: 9 su 10 assistono alla nascita del figlio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono sempre più i papà che decidono di assistere la propria moglie o compagna durante la nascita del loro bambino: esattamente 9 su 10. A rivelarlo, l’VIII Rapporto Cedap sull’evento nascite in Italia, pubblicato sul sito del ministero della Salute.

Dai dati raccolti emerge, infatti, che nel 92% dei casi il padre del bambino entra in sala parto per partecipare all’evento, ad esclusione dei cesarei ovviamente. Il restante 8% invece è così suddiviso: nel 6,7% dei parti è un familiare ad assistere la neomamma mentre nell’1,3% una persona di fiducia.

Quella dei papà è una vera e propria rivoluzione culturale e familiare che ha visto negli ultimi 5 anni il suo exploit: basta pensare che si è passati da un misero 60% ad oltre il 90%; trenta punti percentuali che fanno la differenza. È evidente – spiega il dottor Giovan Battista Serra, ginecologo del Cristo re di Roma – che le dinamiche sono cambiate e i padri hanno assunto un ruolo diverso, assumendosi responsabilità sin dall’inizio, dal simbolico taglio del cordone ombelicale.

Analoga posizione per Jack Heinowitz – psicologo infantile e terapeuta della famiglia nonché condirettore della Parents As Partners Associates di San Diego in California – che negli ultimi anni ha lavorato sempre più assiduamente per risvegliare l’istinto paterno negli uomini di tutte le età. Nel suo libro “Il papà incinto”, infatti, incoraggia i padri ad assistere al parto per essere consapevoli dell’importanza del coinvolgimento con il nascituro.

Ma Heinowitz pone l’attenzione anche su quei padri che non se la sentono di assistere a quel momento: “Ogni volta che vi sentirete oppressi dai dubbi – scrive nel suo testo-guida sulla paternità – ricordate che partecipare al travaglio non è un test per stabilire il vostro livello di abilità nell’aiutare né tanto meno rispecchierà la vostra capacità di amare sia come uomo che come padre”.

È importante che un papà se la senta di assistere alla nascita perché – come afferma il dottor Serra – “quando un padre non è tranquillo ma è forzato nella sua decisione di entrare in sala parto dal desiderio della moglie o della compagna può essere d’intralcio”.

In tal caso, quindi, sarebbe meglio se aspettasse fuori!

Fabrizio Giona

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.