Il nitrato negli spinaci, ecco il segreto di Braccio di Ferro

immagine

È indubbio: il segreto di Braccio di Ferro è il nitrato contenuto negli spinaci, un composto che favorisce la formazione di due proteine che rinforzano i muscoli. Basta una porzione di 250 grammi per ritrovare la forza perduta.

A rivelarlo i ricercatori del Karolinska Insitutet di Stoccolma (Svezia) in uno studio pubblicato sul Journal of Physiology.

Gli studiosi hanno condotto un esperimento sui topi di laboratorio, i quali sono stati dissetati per 7 giorni con acqua mescolata al nitrato presente in una normale porzione di spinaci. Alla fine della settimana si è potuto appurare un miglioramento dei muscoli estensori e flessori delle zampe e dei piedi dei topi, dovuto all'aumento delle due proteine (CASQ1 e DHPR) coinvolte nel controllo dei livelli di calcio necessario per la contrazione muscolare.

"Il nitrato – come spiega Andres Hernandez, coordinatore della ricerca – è contenuto soprattutto negli spinaci e nelle barbabietole rosse ma si trova anche nella lattuga e nelle bietole e un domani potremmo pensare ad un integratore di nitrato."
Un esperimento che ben presto verrà condotto sulle persone per accertare lo stesso effetto energizzante sui muscoli umani.

Ma una dieta ricca di vitamine e zinco, tutte sostanze contenuti negli spinaci, è utile anche nel contrastare i danni causati dalle molecole cancerogene presenti nella carne cotta, riducendo fino al 58% l'incidenza del cancro al colon. Almeno stando a quanto sostenuto da una ricerca pubblicata sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research ad opera degli studiosi dell'Oregon State University (Corvallis, Usa).

Fabrizio Giona