Kate è troppo magra: colpa della dieta Dukan?

alt

L’abbiamo ammirata e, perché no, anche invidiata per il fisico perfetto esibito il giorno del matrimonio reale più importante dell’anno.

Come vi avevamo già anticipato, Kate e sua madre si sono preparate ad arrivare in forma smagliante al grande giorno seguendo la dieta ideata dal medico francese Pierre Dukan.

La principessa però sta destando la preoccupazione di tutta la famiglia reale ed in particolare del neomarito William, poiché nei due mesi successivi al matrimonio ha continuato a perdere visibilmente peso. Già durante la luna di miele William aveva fatto notare a Kate la sua forse eccessiva rigidezza nel seguire la dieta e la sua continua attenzione al conteggio delle calorie.

Durante una delle ultime uscite pubbliche, una visita ufficiale in Canada, le foto scattate dai fotografi e apparse sulle riviste di tutto il mondo hanno destato l’attenzione dell’opinione pubblica spingendo molti a dichiararsi allarmati dall’eccessivo dimagrimento di Kate, che potrebbe portarla all’anoressia.

Fabiola DeClerq, a capo dell’ABA, associazione per lo studio e la ricerca su anoressia e bulimia, si è mostrata allarmata dal fisico spaventosamente esile della principessa, tanto da aver dichiarato:

"Non oso pensare all'effetto delle immagini della moglie di William sulle giovanissime. Come accade nel caso delle sfilate delle modelle e dei servizi sulle riviste patinate, anche le apparizioni della giovane duchessa rischiano di trasformarsi in spot per l'anoressia".

È bene dunque ricordare che qualsiasi dieta seguita in maniera troppo rigida può arrecare effetti negativi sul proprio organismo, con conseguenze realmente serie come il rischio di lasciarsi risucchiare dal vortice dell’anoressia e di mettere a repentaglio la propria fertilità.

Se Kate vorrà regalare presto un erede ai propri sudditi, come aveva dichiarato poco dopo il matrimonio, dovrà cercare di riprendere qualche chilo, come William le ha già premurosamente raccomandato.

Qui scopri cos'è la dieta Dukan.

Marta Albè