Dieta: volete mantenervi leggere? Il trucco del piatto unico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Convertirsi al piatto unico si può, soprattutto se si è cresciuti in un famiglia dove non ci si alzava dal tavolo senza aver mangiato due portate con il contorno (più frutta e dolce?!)? La risposta è sì, soprattutto se fate parte della folta schiera di donne che in questo periodo è sotto una stretta e severa dieta.

Ma non solo per questo: il piatto unico rende più operativi, più felici e ci permette di gustare di più il cibo.

Diverse ricerche scientifiche hanno dimostrano che mettere all’opera un meccanismo come la digestione assieme a un lavoro fisico e intellettuale, è poso salutare e anche poco produttivo. Avete presente la voglia di una pennichella verso le due del pomeriggio? Bene, se vi convertirete a un piatto unico, questa non vi attanaglierà più. E sapete perché? Perché il piatto unico vi lascia più leggere, consente al vostro stomaco di non dover sostenere un iper-lavoro e vi dona un piacevole senso di sazietà, soprattutto se avete ben unito gli ingredienti.

Ideale per chi lavora in ufficio, il piatto unico è stupendo anche per alleggerire la cena, spesso responsabile dei nostri principali ‘peccati di golà. Un’insalata con a tema il pesce (tonno) o la carne (scaglie di tacchino o carne bianca) assieme a tante fibre e cereali, può essere davvero un modo intelligente e salutare di fare la dieta. L’ideale è comporre questo piatto con circa 400 calorie, di cui 200 g di verdure, 50 g di pasta e circa 30 g di formaggio.

Tuttavia, il piatto unico non è per sempre. Può essere circoscritto al periodo di dieta ma poi deve essere variato e sostituito con altre tipologie di alimenti. Se avete poca fantasia e non riuscite a dare diverse ‘facce’ al piatto unico, allora usatelo solo in tempi di dieta. Diversamente, potete farlo diventare una soluzione fissa a pranzo e a cena. Ma solo se siete abili nel dosare ed equilibrare apporto di carboidrati e proteine e a diversificare il suo contenuto.

Sara Tagliente

Leggi anche:

Sei ai dieta? Allora scegli un piatto unico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.