Cos’è la dieta pescetariana?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In un panorama di regimi alimentare sempre più vario e sempre più innovativo, da qualche tempo si è affacciata una dieta molto particolare, ribattezzata “pescetariana”. Ma di che cosa si tratta?

Come suggerisce lo stesso nome di questo percorso alimentare, la dieta pescetariana esclude qualsiasi tipo di carne bianca e rossa, ma include la possibilità di poter mangiare il pesce, i crostacei e i molluschi, o ancora tutti i derivati degli animali come il latte e le uova.

Con tali caratteristiche è evidente che non ci troviamo davanti a una dieta vegana o vegetariana, ma di una sorta di evoluzione più morbida di quest’ultima, considerato che include anche una tipologia di carne animale, come quella del pesce.

Ma allora la dieta pescetariana è un ibrido che non soddisfa nessuno?

A ben vedere, i puristi delle diete vegetariane (e soprattutto vegane) non sono particolarmente inclini a tollerare questo regime alimentare, proprio per la presenza di un “ingrediente” come la carne. Dal canto loro, però, i pescetariani sembrano vivere con maggiore serenità la propria appartenenza a questa filosofia di vita, difendendo il suo carattere etico e ricordano che la sofferenza inflitta ai pesci al momento della cattura e dell’uccisione non sarebbe dimostrata come, invece, quella propria degli altri animali. Inoltre, i pescetariani ricordano che i pesci non sarebbero oggetti di maltrattamenti, come invece accade con gli altri animali che sono presenti negli allevamenti intensivi.

Detto ciò, non è nemmeno difficile cercare di comprendere perché siano sempre di più le persone che si stanno avvicinando con soddisfazione alla dieta pescetariana. Si tratta infatti di un regime alimentare piuttosto semplice da seguire, con buoni valori nutrizionali dei suoi ingredienti principali e, per giunta, anche utile per poter compiere una positiva transazione verso la dieta vegetariana.

Di contro, è anche vero che la dieta pescetariana presenta diversi svantaggi, come ad esempio il fatto che possa essere piuttosto costosa (il pesce, d’altronde, non è l’ingrediente più economico che approda sulle nostre tavole), e che cresce il rischio di mangiare pesce contaminato dal mercurio.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.