La dieta del rientro: all'ordine del giorno fermenti lattici e fibre

dieta rientro fermenti lattici fibre

Settembre è il mese del rientro: le città si ripopolano, i negozi e gli uffici riaprono, ricominciano le scuole e gli esami universitari.

Insomma, si torna, ahimè, alla routine quotidiana che ci si era lasciati alle spalle… E con essa si ritorna alla vita sregolata che il lavoro e lo studio comportano, con orari sballati e alimentazione irregolare.

Quindi facciamo attenzione perché se la pausa estiva è stata l’occasione per rimetterci in forma attraverso un’alimentazione equilibrata, il rientro potrebbe portarci a mangiare cibi non troppo salutari e a riprendere rapidamente peso. E non solo. Tutta questa situazione potrebbe danneggiare la microflora intestinale con conseguenti gonfiori addominali, stipsi alternata a diarrea e stati d’ansia.

Ma niente paura! Come sempre c’è un rimedio. Basta sostenere il metabolismo con una dieta ricca di fermenti lattici (probiotici) e fibre (prebiotici). Consumiamo quindi yogurt, latti fermentati (tipo LC1) e tutti quegli alimenti ricchi di fibre, soprattutto quelle solubili che sono maggiormente presenti in frutta, verdura, legumi, orzo e fiocchi d’avena. Avremmo così meno stress, pancia sgonfia e metabolismo attivo!

Questo perché prebiotici e probiotici aiutano la microflora intestinale, rivitalizzandola e permettendole di svolgere correttamente il suo lavoro di regolazione dell’intestino e permettono alle pareti intestinali di assorbire tutto ciò che serve per la salute e il benessere del nostro organismo. E, questo è ovvio, un intestino sano è un efficace antistress!

Raccomandazione. Come sempre è bene non esagerare e seguire sempre un regime alimentare equilibrato. E poi è importante continuare a fare attività fisica, non lasciando che il nostro corpo e la nostra mente ricolleghino il movimento e l’esercizio fisico soltanto alle passeggiate in montagna o alle nuotate al mare.

Fabrizio Giona

 

Pin It