pollini

Allergie ai pollini: il rimedio nei fermenti lattici probiotici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La primavera, per molti, è un periodo piuttosto critico. Le allergie infatti affliggono un numero sempre crescente di persone, limitando le normali attività quotidiane, a causa dei fastidi quali la continua lacrimazione, il gonfiore degli occhi, tosse e spasmi e starnuti senza fine.

Ma a venirci in aiuto nel contrastare l’allergia ai pollini sono i fermenti lattici. Già, proprio quelli contenuti nello yogurt. A rivelarlo è stata una ricerca condotta dall’immunologo Claudio Nicoletti presso l‘Institute of Food Research di Norwich, in Gran Bretagna e pubblicata su Clinical and Experimental Allergy.

Secondo lo studio, tra le cause della comparsa delle allergie, vi sarebbe la rottura dell’equilibrio della flora batterica intestinale. Ciò è emerso dall’osservazione svolta da Nicoletti e dal suo team, che ha preso in esame due gruppi di persone. Ad uno di essi, è stato somministrato per due settimane un latte fermentato contenente fermenti lattici probiotici, mentre all’altro è stato somministrato un placebo. Il risultato è stato evidente: nei soggetti che avevano assunto fermenti lattici è stata riscontrata una diminuzione del livello degli anticorpi IgE, che segnalano la presenza di allergie. Nel secondo gruppo di persone, invece, non si è presentato alcun cambiamento.

Il merito sarebbe dunque dei probiotici, in grado di ripristinare il corretto equilibrio della flora batterica intestinale. Ha spiegato Nicoletti: “Lo studio, il primo condotto sull’uomo mette in evidenza come l’assunzione quotidiana di specifici fermenti lattici probiotici possa modificare le risposte del sistema immunitario al contatto con i pollini“.

In ogni caso, potete sempre seguire i nostri consigli su come affrontare i sintomi dell’allergia.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.