Burro chiarificato e ghee: proprietà e perché sono da preferire al classico burro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il burro rientra tra quegli alimenti calorici da consumare in maniera limitata, visto che contiene elevate quantità di grassi (saturi) e colesterolo. Ma esistono delle valide alternative al classico burro, che possono essere usate nella preparazione di dolci e anche per friggere in padella: il burro chiarificato e il ghee. Questi due prodotti vengono spesso confusi, anche se in effetti sono davvero molto simili fra loro. Vediamo quali sono le loro proprietà e perché sono da preferire al burro a cui siamo abituati.

Burro chiarificato: cos’è e quali sono le sue proprietà

Il burro classico è composto per l’80% di grassi e il 20% di acqua e solidi del latte, che includono le proteine come la caseina. Il burro chiarificato, invece, non è altro che un burro “puro” al 100%  da cui sono state eliminate meccanicamente (non chimicamente) l’acqua e le proteine: ciò che resta è un condensato di grassi, di cui il 60% saturi, a catena corta. Questo lo rende perfetto per friggere, perché il suo punto di fumo tocca i 180°, a differenza di quello normale che si aggira intorno ai 120°, garantendo quindi una migliore cottura dei cibi senza il rischio di bruciare la panatura e senza sprigionare sostanze tossiche. È addirittura migliore di altri oli di semi usati per le fritture e ha un odore molto delicato.

Se solitamente i grassi saturi possono essere nocivi per la salute, quelli a catena corta vengono usati dall’organismo come se fossero dei carboidrati, apportando più energia. Quindi, se assunti senza esagerare non sono dannosi; anzi, sono indicati anche a chi soffre di disturbi digestivi, visto che facilitano l’assorbimento dei cibi. Per quanto riguarda il colesterolo, il burro chiarificato ne contiene una quantità minima, ovvero 8 mg a cucchiaino. 

vantaggi burro chiarificato

Come anticipato, il burro chiarificato si ottiene attraverso un processo di centrifugazione, che elimina le proteine, cioè la caseina e il lattosio. Per questo il burro chiarificato può essere una valida alternativa al classico burro per chi è intollerante al lattosio.

Oltre a fornire energia all’organismo, il burro chiarificato aiuta ad assimilare le vitamine contenute al suo interno quali le vitamine A, D, E e K. Il loro assorbimento risulta più facile perché si tratta di sostanze liposolubili, ossia scioglibili soltanto nel grasso. Un altro vantaggio del burro chiarificato è che non si rovina facilmente e può essere conservato (anche fuori dal frigorifero) molto più a lungo rispetto al classico panetto di burro.

Ghee: cos’è e quali sono le sue proprietà

Il ghee proviene dalla tradizione culinaria indiana. È molto simile al burro chiarificato, ciò che lo differenzia da quest’ultimo è che viene cotto più a lungo per eliminare tutta l’acqua e i solidi del latte che durante il processo scendono completamente sul fondo fino a diventare caramellati. Questo conferisce al ghee un gusto quasi nocciolato.

Il ghee contiene anche le preziosissime vitamine liposolubili (A, D, K, E) e grazie agli acidi grassi a catena corta e media è dotato di importanti proprietà antimicrobiche intestinali.

Come il burro chiarificato, il ghee può essere conservato a temperatura ambiente. Può restare fuori dal frigorifero per circa sei mesi. Mentre a temperatura ambiente presenta una consistenza semi-solida, leggermente cremosa, se conservato in frigo diventa più duro e solido e può durare senza rovinarsi fino ad un anno.

Secondo la  cucina ayurvedica, il ghee ha anche la capacità di eliminare le tossine e rinforzare il sistema immunitario. Infine, questo tipo di burro viene adoperato per di idratare la pelle e i capelli e lenire le scottature.

Fonte: Assolatte/Casa Benessere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.