Con il ritorno all’ora solare la salute sessuale è destinata a peggiorare?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il ritorno all’ora solare, avvenuto la scorsa domenica, potrebbe apportare un concreto peggioramento della propria salute sessuale. Ma perché?

A sostenerlo è la Società italiana di andrologia (Sia), secondo cui il passaggio dall’ora legale all’ora solare determinare uno sfasamento tra il ritmo sonno – veglia, con una desincronizzazione del nostro orologio biologico molto simile a quella che si può soffrire a causa del jet lag.

A sua volta, una simile condizione sarebbe in grado di favorire la disfunzione erettile, con un malus che è poi addirittura peggiorato dalla particolare condizione  che stiamo vivendo, che alimenta nuove tensioni che finiscono con il peggiorare il proprio personale scenario di benessere sessuale.

Per gli esperti della Sia, anche l’attività dell’apparato riproduttivo maschile segue una sua ciclicità nell’arco delle 24, poiché governato dalla produzione del principale ormone maschile, il testosterone, che viene sintetizzato in maggiore quantità proprio durante le ore del mattino, e prodotto in misura inferiore durante le ore serali.

Dunque, quando i ritmi circadiani vengono “sballati”, come avviene ora che siamo passati dall’ora legale a quella solare, si corre effettivamente il rischio che a farne le spese siano proprio le attività sessuali. La maggiore ansia favorita dalla pandemia, fa il resto.

Ancora, gli esperti della Sia invitano a considerare che il benessere sessuale è il risultato di un intero sistema che funziona una precisa sincronia tra diversi organi. Dunque, se un ingranaggio si inceppa, o lavora in maniera non efficace, il primo a risentirne è proprio il benessere sessuale. Ecco perché un deficit erettile può essere il segnale di eventuali malattie di natura cardiovascolare, e può precedere – anche di anni – eventi particolarmente gravi come gli infarti e l’ictus.

In misura ancora più specifica, il testosterone può essere utile per potersi garantire una buon erezione e prevenire osteoporosi e malattie cardiovascolari. Ecco perché mantenere il corretto ritmo della produzione ormonale diventa indispensabile, e che – in tale scenario – la giusta alternanza sonno – veglia gioca un ruolo positivo.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di bellezza. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di benessere e alimentazione.