I 5 antidepressivi naturali più efficaci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La depressione è un disturbo abbastanza diffuso nel nostro Paese. A soffrirne sono circa 3 milioni di persone e si registra una maggiore incidenza tra i soggetti di sesso femminile. Purtroppo si tratta di una malattia in aumento negli ultimi anni, come dimostrano i dati emersi dal congresso “Depressione sfida del secolo, verso un piano nazionale per la gestione della malattia”, organizzato nel 2019 dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna.

Uscire dal tunnel della depressione non è facile e in alcuni casi, oltre al percorso di psicoterapia, viene raccomandata l’assunzione di alcuni farmaci. Fortunatamente non è sempre necessario ricorrere a prodotti farmaceutici che possono presentare effetti collaterali non indifferenti. La natura, infatti, ci offre alcuni antidepressivi sicuri e con poche controindicazioni. Scopriamo quali sono i più noti ed efficaci che possono aiutarci (su suggerimento di un esperto) a combattere la depressione.

1. Iperico (erba di san Giovanni)

L’iperico, comunemente conosciuto come erba di san Giovanni, è una pianta officinale che viene considerata un vero e proprio farmaco nel trattamento delle depressioni lievi. Può essere impiegato da solo o in combinazione con altri rimedi naturali come la valeriana. Le proprietà antidepressive dell’iperico sono attribuite all’insieme di sostanze contenute nei suoi estratti, fra cui troviamo l’iperforina, l’ipericina, la pseudoipericina, l’amentoflavone e la rutina. Per iniziare a vedere i primi risultati bisogna assumere un estratto di questa pianta per almeno due settimane e poi continuare il trattamento per circa due o tre mesi. L’azione antidepressiva di questa pianta è dovuta alla sua capacità di aumentare i livelli di serotonina (e altri neurotrasmettitori che agiscono su sonno e umore) e di regolare la produzione di melatonina (utile anche contro l’insonnia).

Prima di assumere l’iperico è necessario rivolgersi ad un medico. Infatti, nonostante si tratti di una pianta officinale, presenta degli effetti collaterali (fra cui disturbi gastrointestinali e crisi ipertensive) e può causare alcune interazioni farmacologiche abbastanza pericolose. 

olio-iperico

2. Rodiola

La rodiola era nota anche in passato non solo per rafforzare l’organismo, ma anche per migliorare l’umore. Visto il suo effetto sul sistema nervoso e sulla serotonina, è particolarmente impiegata come rimedio naturale contro stress, ansia e lieve depressione. Inoltre, aiuta  anche l’attività cardiaca e muscolare. Ci si serve soprattutto delle radici dalle quali si ricava un estratto secco o liquido oppure vengono utilizzate per preparare degli infusi. La dose giornaliera è variabile e deve essere indicata da un esperto.

Oltre alla classica controindicazione in caso d’ipersensibilità, questo antidepressivo naturale non deve essere assunto da soggetti affetti da disturbi bipolari che sviluppano episodi maniacali in seguito all’assunzione di farmaci antidepressivi o stimolanti.

3. Griffonia

Un’altra pianta molto nota nel trattamento naturale di forme depressive è la griffonia, che fa parte della famiglia delle Leguminosae.  La griffonia è molto utile non soltanto per contrastare la depressione, ma anche per combattere l’ansia e l’insonnia.  Gli estratti della pianta, pertanto, rientrano spesso nella composizione d’integratori alimentari indicati per migliorare il tono dell’umore.

I semi della griffonia contengono 5-idrossi-triptofano (5-HTP), un precursore della serotonina, considerato “l’0rmone della felicità”, che nel nostro organismo è coinvolto in varie funzioni fisiologiche, tra cui la regolazione del tono dell’umore, del sonno e dell’appetito. La griffonia può essere assunta principalmente sotto forma di capsule o compresse, facilmente reperibili in erboristeria o in farmacia.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali di questo rimedio naturale, i più comuni sono di lieve entità: nausea, meteorismo e bruciore di stomaco. La griffonia è sconsigliata in gravidanza, durante l’allattamento e in caso di sensibilità alla caffeina, contenuta nella pianta. 

4. Curcuma

La curcuma è davvero preziosa per il nostro organismo. Oltre ad essere a migliorare il funzionamento di stomaco, intestino e a favorire la digestione, è considerato un valido antidepressivo 100% naturale.

Infatti, la curcumina, un composto attivo derivato dalla pianta Curcuma Longa (da cui si ricava la spezia utilizzata in cucina), è stata testata in paragone a un antidepressivo tradizionale, la fluoxetina, in uno studio condotto in India e pubblicato sulla rivista Phytotherapy Research. Una dose giornaliera di curcumina di 1000 mg è risultata solo del 2-5% meno efficace del noto farmaco Prozac. Ma la cosa più sorprendente è l’assenza di effetti collaterali.

5. Magnesio

Il magnesio è un minerale molto importante per il nostro organismo. Il contenuto corporeo di magnesio in un soggetto adulto è di 20/28 g circa: il 60% è presente nelle ossa, il 39% nei tessuti e circa l’1% nei liquidi extracellulari.

In alcuni periodi, però, si tende a consumare una notevole quantità di magnesio: questo avviene soprattutto quando si è stressati, debilitati fisicamente e in caso di eccessiva sudorazione. Reintegrarlo è fondamentale per stare bene  e non solo a livello fisico.

Questo prezioso minerale, infatti, stimola anche la produzione di serotonina, un’endorfina che svolge un’azione analgesica, antidepressiva e stabilizzante dell’umore. Una carenza di magnesio può portare a nervosismo, irritabilità, stati di ansia e può favorire l’insorgenza di una lieve depressione. Per questo si consiglia di assumere magnesio a sufficienza, magari ricorrendo ad un buon integratore e consumando cibi ricchi di questo minerale (come il cioccolato, i legumi e le verdure fresche).

Fonte: GreenMe/My personal trainer

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.