Come utilizzare l’olio di cocco per avere denti più bianchi e gengive sane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’olio di cocco è conosciuto per le sue numerose virtù: può essere adoperato in cucina, usato per rendere più lucidi i capelli, per ammorbidire e nutrire la pelle, ma non tutti sanno che è dotato di un forte potere sbiancante sui denti. 

Per avere un sorriso luminoso e gengive sane non c’è bisogno di ricorrere a prodotti da supermercato o spendere molto denaro dall’igienista dentale (ciò naturalmente non significa che non ci si deve sottoporre regolarmente ai controlli dal dentista). L’olio di cocco, infatti, è un prodotto naturale molto caro alla medicina ayurvedica per il suo potere purificante per l’organismo. Quest’olio viene utilizzato anche per l’oil pulling, un’antica tecnica che prevede degli sciacqui da eseguire con l’olio per purificare la cavità orale, eliminando batteri e tossine.

Olio di cocco: i benefici per denti e gengive

Come anticipato,  l’olio di cocco rappresenta un valido alleato naturale per la cura dei denti e delle gengive. Scopriamo, quindi, quali sono i suoi principali benefici:

  • Denti più bianchi: l’olio di cocco è un prodotto naturale, sicuro e privo di effetti collaterali da utilizzare se si vuole ottenere un sorriso bianco e splendente.
  • Rimedio contro l’alitosi: quest’olio, eliminando i batteri e le tossine dalla bocca, può aiutare a contrastare l’alitosi, che può diventare un vero e proprio disagio.
  • Combatte la placca e la gengivite: l’utilizzo costante dell’olio di cocco contribuisce a tenere a bada la formazione di placca e a ridurre il rischio di gengivite. Se le vostre gengive sono soggette a continui sanguinamenti, l’olio di cocco può essere una buona soluzione.
  • Previene le carie: viste le sue proprietà antibatteriche, l’olio di cocco è un ottimo metodo per prevenire in maniera naturale la comparsa di carie.

Leggi anche: L’olio di cocco: un prezioso alleato contro rughe e inestetismi del viso

Olio di cocco: ecco come utilizzarlo per denti sani e splendenti

Vi consigliamo di procurarvi l’olio di cocco puro, spremuto a freddo e preferibilmente biologico. Basta riempire un cucchiaio (a temperatura ambiente presenta un aspetto solido ma morbido) e lasciarlo sciogliere in bocca, facendolo aderire sopra tutti i denti senza sputare per circa 15-20 minuti.

Trascorsi questi minuti, bisogna sputare l’olio (meglio evitare di versarlo nel lavandino perché potrebbe ostruire i tubi) e poi risciacquare la bocca. Si può ripetere l’operazione anche giornalmente per avere risultati più visibili, ma un paio di volte a settimana saranno sufficienti. Sarebbe meglio utilizzare l’olio di cocco la mattina appena svegli, prima della colazione.

olio di cocco carie

Dentifricio al cocco: come prepararlo

Se preferite avere a portata di mano un dentifricio naturale a base di cocco da utilizzare giornalmente, potete realizzarlo in maniera estremamente semplice e con pochissimi ingredienti.

Ingredienti: 

  • mezza tazza di olio di cocco
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio
  • 10 gocce di olio essenziale di menta o cannella
Preparazione: 
Se l’olio di cocco è solido, lasciatelo ammorbidire leggermente per poi aggiungere gli altri ingredienti e mescolare. Il vostro dentifricio fatto in casa può essere conservato in un barattolo di vetro. Per usarlo basterà immergere un cucchiaino nel barattolo e spalmarne un po’ sullo spazzolino. Questo dentifricio a base di cocco non è sostitutivo del classico dentifricio: dato che il bicarbonato di sodio può corrodere lo smalto, sarebbe il caso di usarlo saltuariamente, ad esempio quando si nota che i denti appaiono più ingialliti. 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.