vaccinazione campagna regionale

Vaccino anti-influenzale: parte la campagna di vaccinazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vaccino, si comincia. Da oggi prende il via la campagna di vaccinazione regionale contro l’influenza. Sarà finalmente possibile sottoporsi al vaccino. A differenza dello scorso anno, quest’anno l’influenza arriverà prima, probabilmente anche durante il corso del mese, costringendo a letto circa 5milioni di italiani.

Come ogni anno, la vaccinazione sarà a titolo gratuito nei confronti di alcune categorie di persone: anziani al di sopra dei 64 anni, bambini di età superiore ai 6 mesi, persone fino a 65 anni affette da malattie croniche respiratorie, cardiache, comprese le cardiopatie congenite e acquisite, diabete mellito e altre malattie metaboliche, malattie renali con insufficienza renale, malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie, tumori, malattie congenite o acquisite che comportino una bassa produzione di anticorpi (inclusa infezione da HIV), malattie neuromuscolari. Ma anche donne che all’inizio della stagione epidemica si trovano nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, medici e personale sanitario di assistenza e altri lavoratori addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo, tra cui gli insegnanti.

Il ministero della Salute, con una circolare dello scorso 10 agosto, ha reso nota la composizione del vaccino di quest’anno:

  • antigene analogo al ceppo A/California/7/2009 (H1N1), cosiddetto ceppo “Pandemico”;

  • antigene analogo al A/Perth/16/2009 (H3N2);

  • antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008.

Curiosità. Il vaccino sarà efficace anche contro il famigerato virus H1N1, considerato oggi un virus epidemico stagionale.

Giuseppe De Vito, direttore del Dipartimento di prevenzione dell’Asp di Catanzaro ha spiegato: “Gli obiettivi della campagna vaccinale stagionale contro l’influenza sono la riduzione del rischio individuale di malattia, ospedalizzazione e morte e la riduzione dei costi sociali connessi con morbosità e mortalità. È consigliabile somministrare il vaccino il prima possibile con l’intento di precedere l’eventuale periodo di maggior diffusione del virus pandemico“.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.