immagine

Come curare i tumori con l’immunoterapia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

TCR gene Editing: ovvero come curare i tumori con il sistema immunitario. In che modo?

Andiamo con ordine: con la “vecchia” tecnica del TCR-gene Transfer si potevano generare in laboratorio dei linfociti T specifici per un tumore, ma meno efficaci. Essi, infatti, sono differenti da quelli naturali perché hanno due tipi diversi di TCR: quello endogeno, presente già prima del trasferimento genico, e quello esogeno anti-tumorale introdotto con la manipolazione genetica. La presenza di questi due TCR diversi sulla stessa cellula comporta dei problemi: il TCR anti-tumorale deve infatti competere con quello endogeno per accedere alla membrana cellulare e poter riconoscere il tumore.

Ecco perché i ricercatori del San Raffaele di Milano hanno messo a punto una tecnologia rivoluzionaria, la TCR-gene editing, con la quale si mira a sostituire il TCR endogeno con il TCR anti-tumorale, originando un alto numero di linfociti che esprimono alti livelli del solo TCR anti-tumorale. In questo modo si producono per ogni paziente linfociti T efficaci e sicuri quanto i linfociti T anti-tumorali naturali.

Tutto ciò è possibile grazie a un editing, appunto, del Dna: gli scienziati scelgono a priori delle sequenze di Dna, mentre delle molecole artificiali, le Zinc Finger Nucleases (ZFN) le riconoscono e provocano dei tagli nella sua doppia elica. Ciò interrompe l’informazione genetica e rende la cellula incapace di produrre la proteina codificata dal gene colpito dalle ZFN. In pratica hanno tagliato via il Dna del Tcr già presente nel linfocita e creato un linfocita da rieditare in cui hanno inserito il Dna dell’«ancora» anti-tumorale e creato un numero elevato di linfociti specifici solo contro il cancro.

La nuova tecnica al momento è diretta solo alla cura delle leucemie. La ricerca è stata pubblicata su Nature Medicine ed è frutto del lavoro di un team di ricercatori multidisciplinare e internazionale guidato da Chiara Bonini responsabile dell’Unità di Ematologia sperimentale del San Raffaele, in collaborazione con Luigi Naldini Direttore dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.