Fumo, 13 milioni i fumatori italiani. Ma a Milano si fa la card

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cinque anni fa entrava in vigore la legge Sirchia, ben nota ai fumatori. Più che una legge era una vera e propria campagna contro il tabagismo, vietando anche il fumo nei locali pubblici. Ma a cinque anni di distanza, oggi cosa è cambiato?

Per ricordare l’entrata in vigore della legge Sirchia, ieri si è celebrata la Giornata Nazionale per i diritti dei Non Fumatori, ma rispetto al 2005 le cifre non sono confortanti. C’è stata infatti un’inversione di tendenza e nel 2009 il numero di fumatori è tornato a salire con 7,1 milioni di uomini e 5,9 milioni di donne, contro gli 11 milioni complessiovi del 2008.

A rivelarlo è stata la Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), che spiega il perché del nuovo incremento. Si tratterebbe infatti dei cosiddetti “pentiti“, persone che avevano smesso di fumare ma che hanno deciso di ricominciare. Tra i più accaniti quelli in età compresa tra i 25 e i 44 anni, che costituiscono il 32,1% del totale.

Ma non sono solo i fumatori ad essere colpiti dalle conseguenze del fumo. I non fumatori, costretti a respirare il fumo passivo, sono le vittime più assurde di questa silente carneficina. Numerosissime le morti a causa del fumo passivo ogni anno. Ad essere colpiti sono soprattutto adolescenti e bambini. A tutelarli era sceso in campo proprio l’allora ministro della salute Sirchia, vietando il fumo nei locali pubblici.

Intervistato dal Corriere della Sera, Sirchia si dichiara molto soddisfatto e racconta che ripeterebbe di nuovo la decisione presa allora: “La rifarei la legge, sì. E magari un pò più restrittiva. Non darei la possibilità di aprire spazi per i fumatori nei locali, perché in Italia anche questo è diventato un abuso: i ristoranti consentono di fumare e mangiare contemporaneamente e i camerieri vengono intossicati”.

Intanto continuano gli incentivi per chi decide di smettere di fumare. A Milano, ad esempio, ai giovani sotto i 25 anni che decideranno di smettere di fumare, verrà fornita una card che prevede sconti e agevolazioni per negozi e locali. E si attende anche una riforma del codice stradale, che prevedrà il divieto di fumare alla guida. Fumatori, avete i giorni contati.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.