contraccettivo sottocutaneo che dura 3 anni

Dura 3 anni il nuovo contraccettivo sottocutaneo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Nexplanon ed è il nuovo contraccettivo che manderà in pensione la cara vecchia pillola.

Si tratta di un contraccettivo ormonale, di 2 millimetri di diametro e 4 centimetri di lunghezza, che il ginecologo impianta sotto la cute del braccio. Quello resta lì 3 anni senza dar fastidio a nessuno e concede alla donna di far sesso senza più la rogna della pilloletta da ricordarsi… Poi, se prima dei 3 anni, ci si è scocciate di tenere questa cosa sotto pelle, non si deve far nientr’altro che rimuoverla.

È un “contraccettivo che utilizza l’etonogestrel, un derivato sintetico ad azione progestinica“, chiarisce la professoressa Chiara Benedetto, Direttore del Dipartimento Universitario di Discipline Ginecologiche e Ostetriche dell’Università di Torino. “Il contraccettivo non contiene estrogeni – prosegue – e quindi può essere utilizzato anche dalle donne che presentano controindicazioni proprio all’uso degli estrogeni: dall’emicrania con aura al rischio cardiovascolare, trombotico, all’ipertensione grave non controllata con la terapia, al diabete complicato, all’obesità“.

Intanto, sono stati resi noti i dati di uno studio condotto da GfK Eurisko sulle italiane in età fertile (18-45 anni) ed è emerso che loro, le italiche femmine, poco adorano il contraccettivo. Metà di esse infatti fa sesso senza alcun tipo di protezione e solo un terzo fra queste vuole avere figli.

L’indagine è stata condotta via web (metodologia C.A.W.I.) su un campione di 2.030 donne rappresentativo dell’universo di riferimento in base ai parametri di età, regione di appartenenza e livello di istruzione.

Un quarto delle donne prese a campione usa un contraccettivo ormonale, che ha pregi e difetti. Se, infatti, l’80% delle donne che lo utilizzano si sentono libere di vivere la propria sessualità e sicure, lo stesso tipo di contraccettivo è visto come un vero e proprio impegno che può creare ansie. Non solo, ma la pillola porta anche a diversi disturbi fisici, come gonfiore e ritenzione idrica, che spesso portano ad abbandonarne completamente l’utilizzo.

Staremo a vedere, adesso, come si rapporteranno le donne con il nuovo contraccettivo sottocutaneo.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.