Obesità infantile: è il grasso in eccesso a causare la pigrizia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cambia la prospettiva sull’obesità infantile. Se prima si pensava che l’eccesso di peso nei bambini fosse legato ad una scarsa attività fisica, adesso pare che le cose non stiano realmente così. Sarebbe proprio l’obesità a generare la pigrizia.

 

È quanto sostiene Terry Wilkin, un ricercatote che per 11 anni, insieme al suo team, ha analizzato il comportamento di circa 200 bambini. Il risultato sarebbe inequivocabile: non è la pigrizia a rendere i piccoli obesi, ma è esattemente il contrario: sono i i chili in ecceso a rendere i bambini dei veri poltroni.

 

La ricerca. I ricercatori, ad intervalli di tre anni, hanno misurato il grasso corporeo e la quantità di esercizio fisico, mettendoli in relazione. Dalle osservazioni è emerso che il movimento fatto (o non fatto) dai bambini non era in alcun modo legato all’aumento di peso. Anzi, i piccoli che ingrassavano, tendevano a fare meno attività sportiva.

 

Tale mutamento di prospettiva sicuramente dovrà far riflettere. Sicuramente, alla base dell’obesità infantile vi è una scorretta alimentazione. Ma molti possono essere i fattori che la generano, ad esempio la scarsa attività fisica (vista come causa o conseguenza) ma anche fattori genetici e predisposizioni familiari. Solo in rari casi, questo tipo di obesità è legata a fattori ormonali.

 

Il nostro consiglio è quello di non privare i bambini di qualche dolcetto o di un bel gelato, ma fondamentale, per la loro salute, è fornire un adeguato apporto calorico, privilegiando vitamine e sali minerali contenuti nella frutta e nella verdura, seguiti da carboidrati e proteine. E occhio ai grassi.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.