hiv

L’HIV è ancora tra noi ma nessuno ne parla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Negli anni abbiamo assistito a un calo generale delle nuove diagnosi di HIV, che hanno raggiunto un picco intorno al 1997. UNAIDS ha lanciato una spinta globale per assicurarsi che il 90% delle persone con HIV ricevesse una diagnosi entro il 2020, e che il 90% di queste persone avesse accesso al trattamento.

Ad oggi, quando le persone ricevono una diagnosi di HIV, possono accedere al trattamento che può ridurre la carica virale e prevenire la trasmissione dell’HIV. Secondo UNAIDS, a livello globale, 1,5 milioni di persone hanno ricevuto una diagnosi di HIV nel 2020 rispetto ai 3 milioni del 1997. E le donne e le ragazze rappresentano il 50% di queste diagnosi nel 2020.

Tuttavia, sebbene le donne costituivano meno di un terzo delle nuove diagnosi nel Regno Unito nel 2020, i nuovi dati statistici rilasciati dalla U.K. Health Security Agency il 2 dicembre 2021 mostrano che le persone eterosessuali costituivano la maggioranza delle nuove diagnosi di HIV nel Regno Unito nel 2020.

I dati hanno infatti mostrato che del numero totale di persone che hanno ricevuto una diagnosi di HIV in Inghilterra nel 2020, il 45% erano uomini gay e bisessuali, e il 49% erano persone eterosessuali. Il numero totale di persone che hanno ricevuto una diagnosi di HIV in Inghilterra nello stesso anno era di 2.630.

Ancora, il numero di nuove diagnosi tra gli uomini gay e bisessuali è sceso da 1.500 nel 2019 a 890 nel 2020, rappresentando un calo del 41% su base annua. Le diagnosi nelle persone eterosessuali sono scese da 1.310 nel 2019 a 1.010 nel 2020, con un calo del 23%. È importante notare che i test nelle cliniche di salute sessuale sono diminuiti del 30%. Il test dell’HIV è sceso del 33% tra le persone eterosessuali e del 7% tra gli uomini gay e bisessuali.

In un’intervista recentemente rilasciata, Liam Beattie, responsabile degli affari pubblici presso il Terrence Higgins Trust, un ente benefico britannico per l’HIV e la salute sessuale, ha affermato che i lockdown hanno avuto un impatto significativo sull’accesso alle cliniche di salute sessuale e, quindi, sui test nel Regno Unito.

Abbiamo visto quel calo significativo nei servizi di salute sessuale, quindi [i test] sono diminuiti di oltre la metà durante i periodi, ma abbiamo visto un aumento dei test online. Ma in termini di suddivisione demografica, abbiamo visto che i test online sono significativamente più popolari tra gli uomini gay e bisessuali che tra gli uomini eterosessuali, per esempio. Quindi, non stiamo vedendo lo stesso livello di entusiasmo che vorremmo vedere per i test online in tutti i gruppi demografici che hanno bisogno di essere testati“.

Ma cosa c’è dietro questi cambiamenti?

L’agenzia britannica per la sicurezza sanitaria ha concluso che sebbene la riduzione delle nuove diagnosi di HIV tra gli uomini gay e bisessuali era probabilmente dovuta a una “vera riduzione della trasmissione”, la riduzione delle nuove [diagnosi] tra le persone eterosessuali era probabilmente dovuta a un calo dei test.

Nel suo dossier, l’agenzia ha anche notato che i farmaci di profilassi pre-esposizione (PrEP) per proteggere contro l’HIV sono diventati disponibili per la prima volta tramite il servizio sanitario nazionale del Regno Unito nell’ottobre 2020. E questo ha seguito un trial IMPACT di 3 anni che ha reso il trattamento disponibile a decine di migliaia di persone ad alto rischio di contrarre l’HIV tra ottobre 2017 e luglio 2020.

Tuttavia, il 96% delle persone che hanno preso la PrEP come parte della sperimentazione IMPACT erano uomini gay e bisessuali, con le donne che costituivano solo il 3% dei partecipanti e l’1,5% che si identificavano come neri africani. La PrEP è stata un “game-changer”, ha detto Beattie, che ha sottolineato i dati recentemente presentati che suggeriscono che la disponibilità della PrEP ha dimezzato le possibili infezioni nel 2021.

Tuttavia, “stiamo vedendo che i gruppi più colpiti da questo sono gli uomini gay e bisessuali, e non stiamo vedendo che nella portata di accesso tra le altre popolazioni colpite da HIV“, ha detto.

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.
Seguici su Facebook