esercizio fisico

Cancro ai polmoni, nuova ricerca evidenzia i benefici dell’esercizio fisico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che l’esercizio fisico sia un toccasana per la propria salute è ben noto, ma una nuova ricerca ha voluto concentrarsi sul vantaggio dell’esercizio fisico per le persone che sono affette da cancro ai polmoni, buona parte delle quali hanno ricevuto la raccomandazione di doversi “riposare”.

Ebbene, come sottolinea un dossier curato dal dottor Jae Kim, primario di chirurgia toracica di City of Hope, un centro oncologico completo designato dal National Cancer Institute nella California del Sud, sebbene il corpo abbia certamente bisogno di un po’ di riposo quando si riprende dal cancro ai polmoni, ha in realtà identicamente bisogno anche di un po’ di sana attività.

Perché l’esercizio fisico migliora i risultati delle terapie contro il cancro ai polmoni

L’attività fisica colpisce il cancro a livello microscopico, afferma innanzitutto il dottor Kim. Già uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista Cancer Research aveva mostrato che l’attività fisica era in grado di ridurre la capacità dei tumori di crescere, rallentando la progressione del cancro e le metastasi ai tessuti vicini. L’esercizio fisico può inoltre ridurre il rischio di recidiva del cancro – afferma ancora il dottore.

Esistono tuttavia anche altre motivazioni che dovrebbero rendere consigliabile una moderata attività fisica. In breve:

  • riduce il rischio di complicazioni chirurgiche. Come tutte le forme di chirurgia maggiore, le resezioni e le lobectomie del cancro ai polmoni comportano un certo rischio. Le complicanze più comuni includono polmonite, infezioni delle ferite e coaguli di sangue – molto dipendenti dalla funzione cardiopolmonare di base;
  • favorisce il recupero cellulare. L’esercizio fisico può cambiare il modo in cui il nostro corpo risponde alle infiammazioni, migliorare le funzioni immunitarie e persino cambiare il modo in cui le nostre cellule riparano il loro DNA. Questo implica una migliore guarigione dei tessuti colpiti da interventi chirurgici, radiazioni o chemioterapia;
  • migliora i livelli di energia. Una delle più grandi lamentele che sento da pazienti che si sottopongono a terapie contro il cancro è la stanchezza. Ebbene, l’esercizio fisico è l’intervento di maggior successo e basato solo sull’evidenza per ridurre la fatica durante e dopo il trattamento, anche se i meccanismi alla base di ciò non sono ancora chiari;
  • aumenta la qualità del sonno. Fare attività durante il giorno permette di dormire bene e meglio la notte. In uno studio del 2016 del British Journal of Cancer, una routine di esercizi domestici di 12 settimane è stata sufficiente per migliorare significativamente la qualità del sonno nelle persone con cancro ai polmoni;
  • diminuisce la rigidità muscolare e articolare. Sia le radiazioni che gli interventi chirurgici possono innescare l’accumulo di tessuto cicatriziale, irrigidendo le articolazioni e limitando il loro raggio di movimento. Le spalle e il torace sono tra le aree più comuni a soffrire di ciò, ma l’esercizio fisico in quelle aree aumenta il flusso di sangue, ossigeno e altri nutrienti per i muscoli e le articolazioni, migliorando l’elasticità dei tessuti;
  • aumenta la capacità polmonare. L’attività regolare, lo stretching e il movimento del corpo possono migliorare la schiena, le costole, la mobilità delle spalle per consentire un movimento più libero del diaframma e degli altri muscoli che supportano la respirazione;
  • migliora la salute mentale ed emotiva. L’attività fisica aiuta i pazienti con il loro benessere emotivo e psicologico, che è un aspetto critico dei risultati a lungo termine per il cancro;
  • rafforza i muscoli di sostegno. La perdita di massa muscolare durante o dopo il trattamento del cancro ai polmoni è associata a un aumento del rischio di recidiva del cancro. Il mantenimento dell’attività fisica è una parte importante per preservare la massa muscolare;
  • riduce il rischio e la gravità delle comorbilità. Le persone con il cancro ai polmoni spesso hanno malattie cardiache e altre condizioni polmonari che possono compromettere la loro salute generale e la qualità della vita. L’esercizio fisico è un ottimo strumento nella gestione delle più comuni condizioni di salute preesistenti che si possono avere.

Quale esercizio fisico fare?

Quasi tutti i pazienti – afferma ancora il ricercatore – possono impegnarsi in qualche tipo di attività fisica durante tutti gli aspetti del loro trattamento, ma il tipo e la quantità variano a seconda delle proprie condizioni. Dunque, è fondamentale condividere ogni aspetto specifico con il proprio medico curante.

Come regola generale, integrare una qualche forma di movimento intenzionale in ogni giorno è incoraggiabile, anche nei giorni di maggior stanchezza. Parlane con il tuo medico per saperne di più!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Basilio Petruzza ha conseguito la laurea triennale in Lettere, indirizzo Musica e Spettacolo, e la laurea magistrale in Dams, indirizzo Teatro-Musica-Danza. È uno scrittore e blogger, ha pubblicato due romanzi e ha un blog.