Pediatra fino a 6 anni: non ci stanno nemmeno i genitori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Più di 1800 e-mail al portale web della Federazione dei Pediatri: a scrivere sono i genitori italiani, ma anche medici, riguardo all’ipotesi avanzata dalle Regioni di limitare la fascia di competenza pediatrica ai 0 – 6 anni.

Un altro popolo di indignati sta sorgendo e con esso la secca bocciatura della proposta del medico di base già dai 7 anni in su.

Questo il tono dei messaggi: “Sono mamma di due bambini di 21 mesi e 5 anni e sono indignata per questa proposta e con tutte le forze dico no. Alla mia pediatra devo dire grazie a vita, perché ha risolto, grazie alla sua scrupolosità, un problema al rene di mia figlia salvato dopo intervento chirurgico a soli 5 mesi e mezzo di vita. La salute dei ns figli deve essere tutelata e seguita da medici specializzati. Chi meglio del proprio pediatra lo è?“. E ancora “Ci sono alcuni aspetti veramente pregevoli che caratterizzano il nostro sistema sanitario nazionale e la presenza del pediatra fino a 14 anni è una di queste: perché toglierla? Perché privare le famiglie di un punto di riferimento fondamentale nel percorso di crescita dei nostri figli e nostro come genitori?“.

Ma anche i medici di medicina generale dicono la loro e puntualizzano l’assurdità della proposta circolata in questi giorni: “Come medico di medicina Generale devo ammettere che la nostra preparazione nel campo pediatrico è purtroppo molto limitata e anche il corso di formazione di tre anni che ci prepara ad essere dei buoni medici di famiglia non è sufficiente a garantire un’altrettanta preparazione in ambito pediatrico. Quindi penso che i bambini dovrebbero restare in cura dal pediatra almeno fino a quando non raggiungano un’età per la quale possano essere considerati “pazienti adulti“.

Quello che stiamo registrando con attenzione in questo nostro Forum è l’emergere di una convinzione popolare estremamente ragionevole e basata sul dato di fatto che il pediatra è un elemento chiave dell’assistenza sanitaria italiana“, è il primo commento Giuseppe Mele, presidente della FIMP. “Crediamo che i tentativi di far quadrare i conti nei modi più impensati e fantasiosi a volte facciano smarrire la via maestra indicata dal nostro SSN. I messaggi che stiamo ricevendo, invece, restituiscono al servizio sanitario il suo vero volto e la sua vera funzione: medici votati alle cure, che operano sul territorio a servizio del cittadino con sacrificio, con soddisfazione e gratitudine di chi è curato“.

Nella nota, Mele dichiara che porterà tutte le mail ricevute all’incontro che presto la Federazione avrà con il ministro Balduzzi.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.