Linguaggio dei bambini, molto dipende dal modo con cui i genitori si rivolgono a loro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il processo di apprendimento linguistico di un bambino è complesso. Non è – infatti – una mera questione di favorire la comprensione di concetti semplici, e costruire da lì una struttura più articolata.

Piuttosto, il modo in cui i genitori interagiscono con i loro figli compie una marcata differenza nelle loro fiorenti abilità linguistiche, come suggerisce un nuovo studio.

I ricercatori della Carnegie Mellon University di Pittsburgh hanno infatti esaminato 41 gruppi di genitori e bambini e hanno chiesto loro di giocare una serie di applicazioni in cui i bambini (età 15-23 mesi) dovevano selezionare un animale specifico da una serie di tre con l’assistenza del genitore.

Hanno poi osservato le differenze nel modo in cui i genitori parlavano ai bambini di animali che si aspettavano che un bambino conoscesse – come un gatto – rispetto a uno che potrebbe essere più sconosciuto – come un pavone. Hanno così scoperto che mentre tutti i genitori usavano approcci diversi per aiutare un bambino a capire cosa fosse un animale “sconosciuto” nel gioco, essi adattavano il loro insegnamento usando una profonda comprensione dello sviluppo linguistico individuale del loro bambino.

I genitori hanno una conoscenza incredibilmente precisa del linguaggio dei loro figli perché li hanno visti crescere e imparare“, ha detto Daniel Yurovsky, autore principale dello studio e assistente professore di psicologia alla Carnegie Mellon, in un comunicato stampa. “Questi risultati dimostrano che i genitori sfruttano la loro conoscenza dello sviluppo del linguaggio dei loro figli per mettere a punto le informazioni linguistiche che forniscono“.

Gli autori dello studio hanno anche scoperto che i genitori aggiustavano agilmente il loro approccio descrittivo quando i loro figli non conoscevano un animale che pensavano.

Lo studio è stato tra i primi a dimostrare che i genitori modelleranno il loro linguaggio data la loro convinzione (per lo più accurata) sullo stato di conoscenza del linguaggio dei loro figli“, ha detto Felix Wang, professore di psicologia dello sviluppo presso l’Università del Nevada a Las Vegas. “L’idea è vecchia, e le nuove prove sperimentali l’hanno ben dimostrata. Vorrei aggiungere un commento che anche se questo effetto è inquadrato come una caratteristica dei genitori che si impegnano nell’atto di insegnare il linguaggio ai loro figli, non è chiaro se si tratta di un effetto generalmente applicabile a due persone, una che insegna all’altra, o anche scenari comunicativi più ampi in generale. Questo non diminuisce in alcun modo l’importanza della scoperta“, ha detto Wang. “In effetti, sto dicendo che l’applicabilità delle conclusioni può essere ancora più ampia di quanto sostenuto”.

Lo studio non è arrivato a conclusioni prescrittive, ma piuttosto ha notato che i genitori dovrebbero continuare a fare quello che stanno facendo. E più tempo passano con il loro bambino, forse meglio è.

Gli studi hanno infatti dimostrato che più si legge e si parla al bambino, più i bambini tendono a segnare un punteggio più alto nel linguaggio e nelle misure di sviluppo cognitivo.

Ma una cosa che mancava allo studio, ha detto Laurie Hollman, psicoanalista infantile ed esperta di sviluppo infantile, era un resoconto più approfondito di come i genitori e i bambini hanno interagito oltre il linguaggio verbale. “I bambini modellano ciò che i loro genitori sentono e come rispondono“, ha detto Hollman. “Cioè, il linguaggio è co-creato. I video del genitore e del bambino che interagiscono usando gli esempi dello studio rivelerebbero il contatto visivo, i gesti del bambino e del genitore verso o lontano l’uno dall’altro, e quando il bambino è sovra o sotto-stimolato e come il genitore risponde“.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.