Se in casa c’è un cane i bambini sono meno pigri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il cane è il miglior amico dell’uomo ma anche del bambino. Infatti, secondo uno studio condotto dalla George University of London, i bambini con un amico a quattro zampe non sono solo più sereni, sicuri e attivi, ma anche più sani.

La ricerca condotta su oltre 2 mila piccoli studenti, di oltre 78 scuole elementari inglesi di età compresa tra i 9 e i 10 anni, ne ha analizzato i livelli di attività fisica rilevando che i bambini che si occupano di Fido sono meno pigri e sedentari dei loro coetanei. I ricercatori hanno evidenziato che i ragazzi, complice la presenza canina, passano meno tempo davanti alla TV e di conseguenza trascorrono più tempo all’aria aperta. Hanno per questo maggiori possibilità di socializzare e crescono più sani, sicuri e sereni.

Christopher Owen, uno degli autori dello studio, commentando i risultati afferma: “Non sappiamo ancora se questo dipenda da uno stile di vita più sano delle famiglie che allevano un animale domestico ma lo scopriremo con ricerche più approfondite.

Sicuramente la presenza di un cane influenza i ritmi dell’intera famiglia. Le responsabilità verso gli amici a quattro zampe ci spingono necessariamente ad essere più dinamici e meno pigri, permettendoci di trascorrere più tempo all’aria aperta (bisogno primordiale per Fido) e di condurre una vita più sana.

Proprio per questo un cane è indicato anche alle famiglie con bambini: la sua presenza porta sicuramente ad adottare un life style meno sedentario, responsabilizzando i più piccini ed insegnandogli che la cura per un animale è un elemento fondamentale ed imprescindibile dell’amore verso di loro.

Lorenzo De Ritis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.