sferruzzare

Torna di moda sferruzzare. E allenta lo stress

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Al grido di “I love knitta” negli ultimi anni si sono creati gli incontri più cool nel panorama dell’entertainment italiano.

Una mania che, come al solito, arriva dal mondo a stelle e strisce. Un nuovo ballo? Un nuovo modo di tenersi in forma? Una nuova mania cinematografica? Beh no! Si tratta di una cosa molto più originale! E il motto tradotto in italiano è: “Io amo sferruzzare“! Ebbene sì. Ad impazzare È il ritorno del classico e tranquillo lavoro a maglia.

In America, i “Knitting Group” organizzati da negozi di maglia, bar e gallerie d’arte, sono già diventati un fenomeno. È persino nata una comunità di knit-maniaci che interviene sul paesaggio con i lavori a maglia. Hanno cominciato col ricoprire le antenne delle auto in sosta, poi hanno rivestito pali e piloni, fino ad arrivare al restyling di alcune pietre della Grande Muraglia.

La velocità di diffusione di questa mania sarà forse dovuta alla facilità di trasporto dei materiali, o al senso di appartenenza ad una “famiglia allargata” sempre rilassata e pronta a consigli. E non solo di tipo pratico! Si conoscono persone nuove in un modo che è totalmente agli antipodi con la chat e con la tendenza generale degli ultimi anni di trincerarsi dietro pc e nickname.

E la kint-mania, aiutata anche dalle celebrites hollywoodiane, ha attraversato l’oceano approdando in Europa. Persino i francesi si sono fatti prendere la mano, tanto che le ricerche rivelano che un uomo su tre ha questa mania. Eh sì, a quanto pare in tutta Europa anche i maschietti si sono dati allo sferruzzamento.

In Italia a vincere il premio per la lungimiranza è stata Milano, invasa da modelle sferruzzanti nei back-stage delle sfilate. E in un batter d’occhio ecco partire una serie di eventi e appuntamenti. Tutti si sono organizzati per ospitare i seguaci del knitting: locali, siti internet e community virtuali spopolano. Ma è soprattutto il web a furoreggiare, permettendo lo scambio di modelli, foto e consigli di realizzazione. Si è creato una sorta di circolo virtuoso fra appassionate di maglia e uncinetto che decidono di aprire un blog per condividere le loro creazioni, e blogger di lunga data che decidono di dedicarsi a questa attività e cercano sul web modelli e social network a cui chiedere aiuto.

I siti di riferimento più popolari sono www.ravelry.com e www.freepatterns.com. Ovviamente sono in inglese, come quasi tutti i siti e le community dedicati a questo argomento. Se la cosa vi mette in difficoltà – soprattutto se ancora non sapete da che parte si impugnano i ferri – non preoccupatevi, basterà scaricare l’utilissimo Betta’s Knitionary: un vero e proprio dizionario knit-maglia (inglese-italiano) che spiega le varie abbreviazioni usate in inglese.

Naturalmente, il knitting è più divertente se in compagnia. In tutta Europa fioccano le iniziative per sferruzzare gratis ovunque: dalla libreria al bar, dalla merceria al ristorante. Per essere sempre informate su tutte le iniziative, i due siti da tenere d’occhio sono: www.knitonthenet.com , per gli eventi esteri, e www.do-knit-yourself.com per quelli italiani.

Ma al di là dell’aspetto più fashion, creare da soli capi d’abbigliamento vi permette di indossare capi unici e speciali. È stato anche dimostrato che sferruzzare aiuta a combattere lo stress. A questo punto, non resta che scatenare la fantasia e scegliere con cosa cimentarsi. Magari per creare un regalo di San Valentino assolutamente unico.

E allora, un caffè macchiato e un gomitolo rosa. Sferruzzare non è più un hobby da nonne!

Serena M. Ferro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin