soft drink tumori

Soft drink, aumenta il rischio di tumori al pancreas

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Amanti dell’aperitivo, occhio ai soft drink, perché sono accusati di aumentare il rischio di cancro al pancreas. Ad attaccare le bevande che da un po’ di anni sono entrate nell’uso comune grazie alla diffusione dell’abitudine all’aperitivo, è stata l’American Association for cancer research.

In particolare, sul banco degli imputati vi è la grande quantità di zuccheri presenti nei soft drink, che secondo l’autore della ricerca Mark Pereira, “può aumentare il livello di insulina nell’organismo che riteniamo contribuisca alla crescita delle cellule tumorali nel pancreas”.

L’équipe americana ha analizzato circa 60 mila persone per 14 anni nel quadro del Singapore Chinese Health Study. Durante il periodo in esame, vi sono stati 140 casi di cancro al pancreas. In particolare, è emerso che il rischio di contrarre un tumore al pancreas era più elevato dell’87% tra i consumatori abituali di soft drink. Nessun problema invece per chi consumava semplici succhi di frutta.

Ma non tutti sono d’accordo con questo tipo di allarmismo. A mettere in discussione i risultati è stata Susan Mayne, direttore associato dello Yale Cancer Center, che invita ad approfondire maggiormente la questione: “Sebbene da questo studio sia emerso un rischio, la conclusione è basata su un numero relativamente limitato di casi e non è chiaro se sia un nesso causale o meno. Il consumo di bevande analcoliche a Singapore è stato associato a numerosi altri comportamenti nocivi per la salute come il fumo e l’assunzione di carne rossa, che non possiamo controllare altrettanto accuratamente”.

In attesa di maggiori informazioni, continuamo nella simpatica pratica dell’aperitivo con gli amici.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.