Il mal di schiena nelle donne: un problema diffuso, che si evolve nel tempo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il mal di schiena è una delle più alte cause di dolore, di disagio e di disabilità tra le donne di tutto il mondo, Italia inclusa. Sebbene sia un pregiudizio piuttosto noto e diffuso, non tutti sanno che il modo in cui si manifesta, e le condizioni a cui può portare, differiscono tra i due generi, caratterizzandosi in misura molto specifica nella popolazione femminile.

Non solo: nelle donne i significativi cambiamenti ormonali possono spiegare i diversi modi in cui vengono vissuti gli episodi di mal di schiena, che cambiano caratteristiche e intensità con il passare del tempo.

Mal di schiena e ciclo mestruale

Per esempio, la maggior parte delle donne che hanno avuto sintomi premestruali riferiscono il mal di schiena all’interno del novero dei disagi avvertiti. Le prostaglandine sono molto attive in questo periodo, favorendo le contrazioni nell’utero per indurlo a liberarsi del suo rivestimento. Sfortunatamente, questi ormoni possono anche influenzare i muscoli della parte bassa della schiena, causando dolori alla schiena o spasmi muscolari nei giorni che precedono l’inizio di un ciclo.

Una versione più intensa sperimentata da molte donne è chiamata disturbo dismorfico premestruale. Anche se questa condizione colpisce un numero minore di donne, i sintomi sperimentati da chi ne soffre sono spesso più gravi – compresi gli episodi di mal di schiena. Anche un’altra condizione, chiamata endometriosi, può determinare mal di schiena: si verifica quando il tessuto (chiamato endometrio) che riveste l’utero cresce al di fuori delle pareti uterine. Il dolore è il sintomo più comune e spesso si manifesta come un disagio pelvico molto intenso, che si irradia verso la parte bassa della schiena.

Mal di schiena e gravidanza

Naturalmente, lo scopo del ciclo mensile di una donna è un complesso disegno biologico per preparare il corpo alla gravidanza. E, come si può immaginare, questa esperienza si traduce comunemente anche in dolori alla schiena. Molti credono che la ragione di questo sia un addome in espansione e un aumento di peso che sta semplicemente causando un sacco di compressione interna e di tensione. Sebbene questo non sia certamente falso, ciò che può sorprendere molte nostre lettrici è il fatto che l’espansione del bacino per fare spazio al bambino è in realtà un processo che può portare alle cause più intense del mal di schiena legate alla gravidanza.

Ciò che è importante comprendere è che il mal di schiena può manifestarsi durante qualsiasi fase della gravidanza, non solo nei mesi successivi. E le donne che hanno già sofferto di mal di schiena in precedenza tendono a manifestarlo di nuovo durante la gravidanza.

Mal di schiena dopo il parto

A ciò si aggiunga che non sono certo finite qui le particolarità legate alle varie cause che possono determinare queste condizioni. Per esempio, anche la tensione dei muscoli spinali durante il parto è una delle cause comuni del mal di schiena nelle donne. Quindi, se la schiena fa male dopo la nascita del bambino, il trauma corporeo del parto è spesso la causa principale e, fortunatamente, di solito si attenua con il riposo e la guarigione nella fase post-partum.

Mal di schiena in menopausa

Quando una donna passa dagli anni del parto e le mestruazioni si interrompono, entra in menopausa. Questo periodo della vita di una donna può essere segnato da sintomi come vampate di calore e, purtroppo… ancora mal di schiena!

Uno dei cambiamenti ormonali più significativi in questo momento è una forte riduzione della produzione di estrogeni. Quando ciò accade, porta ad un aumento del rischio di fratture da osteoporosi della colonna vertebrale, perché la diminuzione degli estrogeni segnala una diminuzione della protezione e della produzione ossea. Le donne perdono la densità ossea più velocemente dopo la menopausa, quindi è essenziale fare tutto il possibile per entrare in questa fase di transizione della vita con ossa forti.

Insomma, il corpo femminile è progettato in modo intricato per resistere a così tanti cambiamenti nel corso della vita. A volte, questi cambiamenti possono aumentare i rischi di episodi di mal di schiena che gli uomini non sperimentano. Fortunatamente, questi episodi sono raramente permanenti e spesso si risolvono in modo indipendente con un’attenzione minima o nulla.

Naturalmente, prevenire i problemi alla schiena prima che inizino è una delle cose più importanti che chiunque può fare per la salute della propria colonna vertebrale. Mantenere un peso corporeo sano (nonostante la gravidanza), fare esercizio fisico regolare, una dieta con quantità adeguate di calcio e non fumare sono tutte cose che possono essere fatte per aiutare a tenere a bada il mal di schiena per tutta la vita. Parlane con il tuo medico!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.