mezzi pubblici raffreddore

Mezzi pubblici: 6 volte maggiore il rischio di ammalarsi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Influenza, raffreddore, faringite, bronchite e polmonite 6 volte più probabili se si frequentano mezzi pubblici.

E il colmo è che chi li utilizza tutti i giorni è più protetto rispetto a chi ne fa un uso occasionale, a dispetto dei vantaggi che, invece, ci sono su altri fronti prendendo un autobus.

Lo sostengono i ricercatori dell’Università di Nottingham, che hanno preso in esame il periodo di picco influenzale tra dicembre e gennaio 2008-2009 e hanno chiesto a 138 volontari, di cui 72 affetti da infezioni respiratorie acute e 66 di controllo, di compilare un questionario sul loro utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici nei 5 giorni che precedevano la comparsa dei sintomi o la loro visita dal medico. Gli studiosi hanno così identificato un’associazione statistica tra le infezioni virali e l’uso di bus e tram nei giorni prima della comparsa dei sintomi.

Il rischio di finire dal dottore è quasi sei volte più alto ed è maggiore in chi li usa saltuariamente – spiega Jonathan Van Tam, coordinatore del gruppo di ricerca -. Il che ovviamente ha delle implicazioni importanti durante le epidemie o pandemie“.

È un piccolo studio esplorativo – continua Van Tam -, i cui risultati dovranno essere confermati da una ricerca più ampia. Comunque questa scoperta avvalora e giustifica il bisogno di praticare una buona igiene delle vie respiratorie e delle mani quando si usano i trasporti pubblici d’inverno, quando circolano i virus, per evitare la diffusione di germi e malattie respiratorie“.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal BMC Infectious Diseases.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook