Suffumigi: un rimedio naturale per combattere i sintomi influenzali. Ecco come prepararli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I suffumigi rientrano tra i “rimedi della nonna” più antichi e usati per combattere il raffreddore e i sintomi influenzali. Queste inalazioni, conosciute anche col nome di fumenti, aiutano a respirare meglio e sono consigliate in particolar modo prima di andare a dormire, quando si ha il naso chiuso, tosse, catarro e mal di gola. Prepararli è davvero semplice e alla portata di tutti. Prima di scoprire come fare, vediamo quali sono tutti i benefici per la salute.

Suffumigi: a cosa servono e come si fanno

Come anticipato, i suffumigi vengono usati per decongestionare e apportare beneficio alle vie aeree superiori; gola, trachea, setti nasali e corde vocali. Servono, infatti, ad alleviare raffreddore, tosse, laringite, faringite e malattie bronchiali.

Per effettuare queste inalazioni curative basta avere a disposizione una pentola con dell’acqua bollente, un asciugamano. Per prepararli bisogna portare ad ebollizione l’acqua in una pentola e toglierla dal fuoco. Dentro la pentola vanno versati ingredienti naturali (ad esempio bicarbonato o oli essenziali). Dopo di che, dovrete coprirvi la testa con un asciugamano e respirare il vapore sia col naso che con la bocca per circa 5 minuti, mantenendo una distanza di circa 30 cm per evitare irritazioni agli occhi e alla pelle.

Il vapore acqueo vi aiuterà a liberare il naso, favorisce lo scioglimento del catarro e lenisce la gola. Per avere dei risultati soddisfacenti si consiglia di effettuare l’operazione circa due volte al giorno fino a quando i sintomi influenzali non saranno scomparsi.

I suffumigi più efficaci da preparare in casa

I suffumigi possono essere preparati con ingredienti naturali che si trovano in dispensa, ad esempio il bicarbonato o il sale grosso. Di seguito ve ne suggeriamo alcuni da provare:

  • Suffumigi al bicarbonato: i fumenti al bicarbonato di sodio erano molto popolari in passato, ma sono ancora oggi molto utilizzati. Sciogliere un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua bollente è utile per combattere raffreddore e naso chiuso.

bicarbonato di sodio 1

  • Suffumigi al tea tree oil: questo olio essenziale ha numerose proprietà curative. È considerato un potente antisettico e antibiotico naturale e aiuta ad alleviare i primi sintomi dell’influenza come il raffreddore, mal di gola e naso chiuso. Per sfruttare al meglio il suo potere curativo si consiglia di aggiungere 5 gocce di olio essenziale di tea tree all’acqua bollente che utilizzerete per i fumenti.
  • Suffumigi al sale grosso: il sale grosso è un rimedio naturale molto economico e utile, soprattutto se non si hanno a disposizione altri ingredienti naturali. Per preparare i fumenti al sale grosso portate ad ebollizione un litro d’acqua e versatene un cucchiaio nella pentola.

  • Suffumigi all’eucalipto: l’eucalipto è un vero toccasana per le vie respiratore, in caso di congestione nasale e mal di gola. L’olio essenziale all’eucalipto può essere usato in aggiunta o in sostituzione del bicarbonato di sodio. Basta versarne 4/5 gocce in un litro di acqua bollente. Si consiglia di effettuare i fumenti all’eucalipto prima di andare a letto per respirare meglio.

  • Suffumigi alla camomilla: la camomilla è dotata di straordinarie proprietà lenitive e quando si è raffreddati è utile anche sotto forma di tisana. Per i suffumigi conviene utilizzare i fiori essiccati, immergendoli nell’acqua bollente della pentola. Se non avete i fiori, potete optare anche per la classica bustina di tisana alla camomilla. Questi fumenti sono indicati anche a chi soffre di otite, aggravata dal muco.
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Siciliana nata tra le pendici dell’Etna e il mare, ma trapiantata a Roma da qualche anno. Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo, è appassionata al mondo del benessere e del bio. Estremamente curiosa, ama scrivere, conoscere nuove storie e osservare il mondo, soprattutto attraverso le lenti di una macchina fotografica.