Occhi sporgenti o infossati: ecco come truccarli

occhi sporgenti infossati trucco

Ci sono cose di noi che non possiamo cambiare, anche se nella nostra agenda abbiamo il numero del migliore chirurgo plastico del pianeta.

Una di queste sono certamente i nostri occhi: tondi, piccoli, grandi, lunghi, a mandorla, piatti o sporgenti, sono le nostre finestre aperte sul mondo e per gli altri sono dei piccoli buchi della serratura da cui spiare la nostra anima. E per cambiare quella, non hanno ancora inventato nessun lifting.

Sul resto del nostro corpo possiamo conquistare taglie o liberarcene secondo i nostri desideri; sul viso possiamo recuperare zigomi cadenti, estirpare nei, riempire le rughe. Ma gli occhi, quelli proprio ci rappresentano e ce li porteremo dietro per sempre. Perciò, care amiche, non ci resta che valorizzarli al meglio, adattando la magica e complessa arte del make up alla nostra specificità.

Vi abbiamo già dato alcune ottime dritte su come truccare gli occhi, stavolta però ci occupiamo di quelle tra voi che – un po’ per genetica, un po’ per caso – si ritrovano con due bulbi oculari troppo “incassati” e piatti o, al contrario, troppo sporgenti. Senza ricorrere a casi estremi (la donna giapponese o la ragazza ipertiroidea, suo malgrado) potremmo farvi 2 piccoli esempi pratici andando a spulciare nel mondo delle star nostrane: Carla Bruni e Monica Bellucci.

carla bruni

A Carlà, che ha gli occhi un po’ infossati e piatti, consiglieremmo di truccarsi contornando il bordo inferiore dell’occhio con una matita, ma solo a partire da metà palpebra e andando a sfumare verso l’esterno. Per la palpebra mobile, sceglieremmo una nuance molto chiara di ombretto, andandola a scurire leggermente solo nella piega. La matita sulla palpebra superiore, per Carlà, è decisamente off limits. Teniamola d’occhio, perché non vogliamo che la première dame faccia brutta figura, vero?

monica bellucci

Andando a Monicà, altra stella italiana che abbiamo dato in adozione ai francesi, la struttura degli occhi cambia decisamente: non sono solo più grandi ma anche più sporgenti e più “importanti” rispetto a tutto il viso (laddove l’elemento dominante di Carlà, ca va sans dire, sono gli zigomi!).

In questo caso la matita dovrà contornare l’intero occhio, e l’ombretto, meglio se scuro (marrone, grigio, nero, rispettando, perdipiù, la tendenza dark dell’inverno), dovrà essere applicato sia tutta la palpebra mobile che sulla palpebra inferiore, avendo cura di sfumarlo bene e possibilmente verso l’esterno del viso e verso l’angolo interno. Praticamente, uno smoky eyes in piena regola. Per finire, giù di mascara! Sentito, Monicà?

E voi? A chi assomigliate di più?

Marina Piconese

 

Pin It