Criolipolisi, la nuova frontiera anti cellulite

lipofilling

La bella stagione sembra essere finalmente arrivata e la prova costume è sempre più vicina.

Se siete afflitte dai “rotolini” sui fianchi, glutei un po’ troppo generosi e cuscinetti di cellulite, sappiate che il freddo sta per diventare il vostro migliore alleato!

Sappiamo che è stato un inverno molto lungo e non vorreste più sentir parlare di freddo per molto tempo, ma in campo estetico è molto utile ed efficace, parola di Mathew Avram - dermatologo del Massachusetts General Hospital and Cosmetic Dermatology Laser Center - che ha ideato la nuova cura contro i centimetri in più.

Si chiama criolipolisi e adopera le basse temperature per ridurre i depositi di grasso sotto pelle. La ricerca è nata dall'osservazione scientifica che il grasso sia più suscettibile al freddo, spiega Avram, la cui tecnica è ora al vaglio della Food and Drug Administratrion, l’associazione dei dermatologi Usa.

La criolipolisi permetterebbe di eliminare la maggior parte degli inestetismi salvaguardando la pelle da danni permanenti e dai problemi derivanti dal riassorbimento del grasso, come spesso succede negli interventi di liposuzione.

In commercio esistono già molti prodotti cosmetici che si basano sull'effetto caldo-freddo e la tecnica del freddo è già utilizzata in dermatologia per curare rughe, macchie e verruche: si riescono a veicolare negli strati più profondi della pelle i principi attivi congelati.

Ma il freddo si sta rivelando utilissimo non solo in campo estetico, ma anche in materia scientifica, e in particolare nella cura dei tumori al seno. A Detroit, in questi giorni, sono stati resi noti i primi risultati di una ricerca sperimentale riguardo una nuova terapia che, attraverso una serie di aghi, permette di congelare la massa tumorale fino, sembra, ad eliminarla completamente.

Insomma il freddo è destinato a diventare un fedele alleato sotto tanti aspetti. E voi siete pronte a trasformarvi in… bellezze glaciali?

Serena M. Ferro