Abbronzatura: la pillola al pomodoro che protegge la pelle

abbronzatura pillola pomodoro

Amanti della tintarella, ecco per voi l'ultima novità. Si tratta di una pillola naturale a base di pomodoro, formulata al fine di proteggere la pelle da eventuali danni provocati da parte dei raggi ultravioletti nel corso dell'esposizione al sole. La pillola promette di mantenere l'abbronzatura più a lungo e di scongiurare la comparsa delle rughe.

Il principale ingrediente della pillola è costituito dal ben noto licopene, un estratto particolarmente presente nei pomodori, a cui viene attribuito un significativo potere antiossidante. A parere degli esperti, il licopene viene assorbito maggiormente da parte dell'organismo nel momento in cui si consumino pomodori che siano stati sottoposti a cottura.

L'assunzione di una sola delle nuove pillole pare possa equivalere al consumo di almeno 6-8 pomodori cotti. Si tratta di quanto dichiarato da parte del professor George Truscott, ricercatore della Keele University, il quale si è occupato della messa a punto della pillola in collaborazione con il dermatologo tedesco Fritz Boehm, esperto della Humboldt University.

A differenza delle creme antirughe, la pillola potrà permettere una difesa della pelle dall'azione dei radicali liberi e dai processi innescati a causa dell'eccessiva esposizione ai danni solari, agendo direttamente dall'interno. Il licopene contenuto in essa permetterà inoltre che l'organismo produca melanina in quantità maggiore e più a lungo, in modo tale da prolungare la durata dell'abbronzatura.

Attenzione però: utilizzare la pillola non significherà poter eccedere con l'esposizione ai raggi ultravioletti, soprattutto tramite lettini abbronzanti. Gli esperti raccomandano prudenza e ricordano che la pillola può rappresentare un aiuto in più, ma che la prima regola per proteggere la pelle è costituita dalla moderazione.

Marta Albè

Leggi anche:

- Pomodori biologici: più ricchi di vitamina C e licopene
- Pelle splendente: frutta e verdura meglio dell'abbronzatura