8 cose sulle mestruazioni che avreste sempre voluto sapere e non avete mai osato chiedere

mestruazioni

Da quel primo giorno in cui Madre Natura sembrava averci teso un tranello ne è passata di acqua sotto i ponti, e probabilmente siamo convinte di sapere tutto, proprio tutto sul ciclo mestruale, quel processo quasi magico che ci rende tanto simili alla Luna, con 28 giorni di attesa.

Ma, soprattutto, ci dà la possibilità unica e incomparabile di diventare mamme. E pazienza se fa male, pazienza se siamo scomode, pazienza se gli uomini non capiranno mai cosa significa. È una cosa solo nostra, e lo sarà per sempre.

Mettetevi ora alla prova e vediamo se siete davvero super informate. Troverete di certo, tra le 8 informazioni che vi proponiamo, almeno una che vi stupirà.

1. La durata del ciclo non varia solo da donna a donna, ma anche da mese a mese

Da una mestruazione a un'altra possono passare 21, 30 o anche 35 giorni. E noi lì ad aspettare Godot, con tutte le sindromi del caso. Ma non aspettiamoci di essere sempre coerenti con noi stesse, perché un mese non è come un altro: c’è lo stress, la dieta, il cambio di stagione. Se volete evitare le fregature, il segreto per capire quando arriveranno è intercettare l’ovulazione, che può arrivare dopo una, due, o anche tre settimane: ma di certo, dopo di lei, sui 14 giorni non si discute, quindi il calcolo sarà quasi infallibile.

2. Molte donne riescono a percepire esattamente la propria ovulazione

Ognuna di noi ha i suoi segnali di riconoscimento, per quel giorno o due in cui sta ovulando: qualcuna se ne accorge dai doloretti addominali (a volte sinistra, a volte a destra), qualcun’altra dando un occhio alle mutandine e a quelle perdite simili all'albume dell’uovo, altre ancora dall'innalzamento della temperatura basale.

3. Si possono avere dolori mestruali anche oltre l’addome...

La schiena e le gambe spesso fanno male durante il ciclo, perché il sistema nervoso è collegato all'area pelvica. E sono dolori diversi dai crampi muscolari standard, sono inconfondibili e oltre a dare un malessere generale toccano delle vette aumentando, in particolare, quando l’utero si contrae.

4. Non sempre il sesso allevia i dolori mestruali

L’orgasmo, com'è noto, provoca delle forti contrazioni dei muscoli della vagina, e, se per alcune donne può essere una sensazione piacevole, per altre non fa che acuire i dolori già presenti. Se poi nel corso del rapporto sessuale si tocca, come spesso accade, anche la cervice uterina, l’utero si contrarrà ancora di più, facendo parecchio più male.

5. Durante l’ovulazione si diventa più attraenti!

È biologia, è natura pura: gli uomini sono più attratti dalle donne in fase di ovulazione. Lo hanno dimostrato degli studi scientifici, che hanno fatto annusare a un gruppo di uomini delle magliette indossate da donne in ovulazione e da donne non in ovulazione. Nel primo caso, i soggetti producevano molto più testosterone. D’altro canto è una reazione percepita anche da noi donne, che spesso, durante l’ovulazione, abbiamo molta più voglia di dare sfogo alla nostra libido.

6. Dopo la pillola, ci potrebbe volere un anno per regolarizzarsi

La pillola è una scarica di ormoni che, tra le altre cose, inibisce l’ovulazione. Il corpo, una volta dismessa la pillola, è perfettamente in grado di tornare al suo ritmo naturale, ma può volerci del tempo, anche parecchio, e le irregolarità durano, in media, almeno 6 mesi. Certo, c’è anche chi, fortunatamente, riesce ad avere una gravidanza già il mese successivo.

7. Esistono rimedi naturali alla sindrome premestruale

Depressione, mal di testa, gonfiori, dolori: non sono una scusa che utilizziamo per racimolare più coccole, sono sintomi reali. Provate con calcio, magnesio e vitamina B. E perché no, anche con un po’ di cioccolata.

8. Durante le mestruazioni diminuisce il rischio di contrarre infezioni

Il sangue che rilasciamo, infatti, fa alzare il pH della vagina, il che rende molto difficile il passaggio dei batteri. Se però questi ultimi sono già presenti nel corpo ed è già in corso un’infezione, proprio per il pH elevato durante il periodo mestruale si potrebbe assistere a un peggioramento della situazione (ve ne accorgerete da uno strano odore).

Marina Piconese

Pin It