Nuovo messaggio di Vasco su Facebook: incidenti, alcol e casualità

Vasco RossiVasco Rossi ritorna ad utilizzare Facebook come mezzo primario di comunicazione con tutti i suoi fan e si esprime nuovamente su questioni delicate, forse stavolta con meno leggerezza rispetto alle precedenti dichiarazioni riguardo all'uso di droga, che avevano quasi portato alla chiusura della sua pagina sul social network.

 

La rockstar decide stavolta di pubblicare una nota nella quale riportare la propria opinione relativa alla guida in stato di ebbrezza ed ai conseguenti possibili incidenti stradali. Vasco, perfettamente in linea con il proprio pensiero, più o meno condivisibile, e con le proprie scelte di vita "spericolata", sostiene in merito che gli incidenti stradali siano il più delle volte una mera fatalità, privi dunque di un capro espiatorio sul quale addossare le colpe.

 

"Noi cerchiamo sempre una causa; abbiamo sempre bisogno di trovare una ragione: è una caratteristica prettamente umana! Ma, purtroppo, la verità è che spesso gli incidenti e le disgrazie non hanno nessun motivo razionale, sono parte costitutiva della vita, inclusi nel pacchetto dell'esistenza: accadono e basta!".

 

Secondo il cantante, voler trovare a tutti i costi un colpevole da punire, non aiuterebbe a cancellare il dolore di chi si ritrova a soffrire a causa della perdita di uno dei propri cari in un incidente stradale mortale. Il suo messaggio prosegue così:"Non voglio assolutamente offendere la sensibilità e i sentimenti di tutti coloro che hanno avuto un parente coinvolto in un incidente stradale mortale: sono traumi e sofferenze di fronte alle quali non esistono giustificazioni o spiegazioni che valgano o che significhino qualcosa!".

 

Le parole di Vasco giungono in merito alla recenti discussioni riguardo la possibilità di inasprire la pena per coloro che causano un incidente mentre si trovano alla guida, soprattutto se dopo aver esagerato con l'alcol.

Tra i più di 500 commenti che la nota pubblicata dal cantante ha generato, i fan non hanno mancato di ricordare che chi si mette alla guida sapendo di non essere nelle condizioni adatte per poter condurre l'auto in maniera sicura, aumenterebbe la "casualità" con cui gli incidenti si verificano.

 

Lo stesso Vasco ha sottolineato che si tratta di una questione complessa, che deve essere affrontata razionalmente, punto per punto. Qual è il vostro parere in proposito?

Marta Albè