Fedez, un compleanno a prova di indignazione!

fedez e ferragni supermercato

Non si può certo dire che Chiara Ferragni sia priva di fantasia. Sì, perché la nota influencer, in occasione del ventinovesimo compleanno del neo marito, il rapper Fedez, ha organizzato per lui una festa a sorpresa in un posto speciale. Se state pensando ad un ristorante di lusso o ad un attico al centro di Milano, siete completamente fuori strada. La Ferragni, infatti, ha affittato un intero supermercato, un Carrefour del capoluogo lombardo. E la festa, com’è facilmente prevedibile, è stata piuttosto movimentata e… criticata. 

I fatti

Lo scorso 15 ottobre, Federico Lucia, in arte Fedez, ha compiuto gli anni. Ieri sera, attraverso le sue Instagram stories, il rapper ha comunicato che - di lì a pochi minuti - la moglie l’avrebbe portato a cena in un posto assolutamente top secret.

Sempre attraverso Instagram, poche decine di minuti dopo, la sorpresa è stata rivelata a tutto il mondo del web (la somma dei seguaci di Fedez e della Ferragni supera i 23 milioni di utenti): si trattava di una festa a sorpresa in un supermercato.

Da lì in poi, niente più segreti: i festeggiamenti sono finiti dritti dritti sui social dei Ferragnez e di tutti gli amici e parenti venuti a celebrare Fedez.

La coppia ha iniziato a correre tra le corsie del supermercato con i carrelli della spesa. Gli invitati, liberi di prendere qualsiasi cosa volessero, hanno giocato con i prodotti disponibili nel negozio. Il carrello dentro cui vi era la Ferragni è stato riempito di frutta e ortaggi, lo stesso Fedez si è divertito a giocare con un panettone o con altri prodotti disponibili nel banco frutta e verdura. Insomma, la festa è stata assai movimentata e, com’era prevedibile, ha suscitato non poco scalpore sul web.

fedez ferragni

L’indignazione sui social

Scalpore, probabilmente, non è la parola giusta. Ciò che muove i social nelle ultime ore è vera e propria indignazione. I più, infatti, accusano i Ferragnez di essere insensibili verso chi il cibo non ce l’ha. Altri parlano di una vera e propria caduta di stile. Qualcuno, infine, promette addirittura di boicottare Carrefour per aver accettato che avvenissero fatti del genere. Insomma, la risposta del web è stata tutt’altro che tiepida.

Va detto, a onor del vero, che i Ferragnez hanno anche molti sostenitori, pronti a difendere i propri beniamini affermando che – di fatto – non è avvenuto niente di grave.

Giustificano, infatti, la coppia chiedendo provocatoriamente «Chi non si sarebbe divertito come hanno fatto loro, avendo a disposizione un intero supermercato?».

Da qui una vera e propria guerra tra sostenitori e detrattori dei Ferragnez, pronti a insultarsi – a volte in modo piuttosto feroce – per difendere o attaccare la coppia più chiacchierata del momento.

Una guerra senza vincitori… o quasi!

 

ferragni compleanno

Una cosa è certa: le lotte che infiammano gli animi sui social network creano vere e proprie fratture tra gli utenti, ma intaccano ben poco la coppia incriminata. Anzi, a ben vedere, l’enorme polverone che di tanto in tanto si abbatte su Chiara Ferragni e Fedez finisce soltanto per solidificare il loro successo di pubblico e per rafforzare l’interesse da parte dai brand pubblicitari nei loro confronti.

Tutto ciò avviene, molto probabilmente, per due motivi: le guerre social, combattute a suon di indignazione, rivelano ben poco sulla persona o la cosa criticata, ma molto sulla frattura esistente nel nostro Paese.

Il secondo motivo, certamente più ovvio, è legato al tipo di attività a cui la Ferragni si dedica: è un personaggio nato sul web ed impossibile da immaginare senza il web, dunque, qualsiasi tipo di attacco, critica o insulto può rivelarsi vantaggioso per tenere l’attenzione viva nei suoi confronti.

Chi è, anzi, chi sono dunque gli unici vincitori delle battaglie che infiammano Twitter e gli altri social?

I Ferragnez, che di certo non accusano alcun colpo in seguito all’attacco di qualche migliaio di utenti. Di fronte ad un totale di 23 milioni di seguaci, che danno può arrecare un gruppo di detrattori, seppur nutrito? Nessuno.

Questo, in definitiva, per dire che viviamo in una società in cui la vera indignazione, nel caso ce ne fosse davvero bisogno, va dimostrata attraverso il disinteresse, non certamente portando avanti crociate che finiscono per dare maggiore attenzione e seguito ad una coppia che vive di like e follower.

Chiara Ferragni è un’influencer e avrà meno potere soltanto quando non ci sarà più nessuno da influenzare. Fino a quel momento, i supermercati diventeranno location per feste esclusive, le bottigliette d’acqua avranno la sua griffe e costeranno quattro volte il prezzo di base e gli eventi privati della coppia saranno automaticamente (e giustificatamente) pubblici.

Siete sicuri che abbia ancora senso indignarsi sui social per un compleanno sopra le righe (e i carrelli della spesa)?

Basilio Petruzza