Sabrina Ferilli vuole adottare un figlio. Anche da single

Fonte Foto: Film.itIl tema della maternità è davvero delicato, come ci ha mostrato Cristina Comencini nel suo ultimo film. Il desiderio di diventare madre non sempre può essere semplice da realizzare, a causa di una malattia o di un problema fisico, della mancanza di un compagno di vita, o della legge.

 

È ciò che sta capitando a Sabrina Ferilli, che, all'età di 47 anni ha espresso il desiderio di diventare madre. Cosa che può essere legittima dopo una vita dedicata alla carriera. Superati i quarant'anni però le probabilità per una donna di rimanere incinta e di portare a termine una gravidanza senza problemi iniziano a calare.

 

L'attrice starebbe dunque pensando di adottare un bambino. La legge italiana però glielo impedisce. Secondo il regolamento del nostro Paese, l'adozione può essere effettuata soltanto da una coppia sposata. Sabrina Ferilli attualmente non lo è, avendo scelto di convivere con il proprio compagno, Flavio Cattaneo.

 

L'attrice ha deciso di battersi per rivendicare la possibilità dell'adozione per i single, a cui attualmente è concesso soltanto l'affidamento. Ecco le sue parole:

"Un discorso tutto femminile, una battaglia che voglio combattere da sola, prima con l'affido, che persino da noi si può fare come single, e poi con l'adozione, con la speranza che possano cambiare determinate cose. Siccome paghiamo le tasse, come quasi in nessun altro Paese, mi piacerebbe che da parte dello Stato ci fosse anche più attenzione verso alcuni diritti fondamentali dei cittadini".

La Ferilli si dichiara convinta che un genitore possa essere in grado di crescere da solo il proprio figlio in maniera corretta. In Italia le mamme single, per scelta o per costrizione, sono sempre di più e si rivelano in grado di portar a termine i propri compiti con forza e coraggio. D'altra parte, sono sempre aperte le discussioni riguardo la necessità della presenza di entrambi i genitori per il corretto sviluppo emotivo di un figlio.

Secondo voi una sola persona sarebbe in grado di dare ad un bambino tutto l'affetto, l'attenzione e le cure necessarie? E, quello della Ferilli, potrebbe essere soltanto un capriccio da star?

Marta Albè