Il decalogo dei reumatismi

immagine

Solo chi ha sofferto di dolori alle ossa e alle articolazioni sa quanto sia importante fare una diagnosi precoce delle malattie reumatiche in modo tale da poter intervenire opportunamente per cercare di controllarle.

Per rispondere a questa esigenza, Carlomaurizio Montecucco, dell’Università di Pavia, presidente della Società italiana di reumatologia, in occasione della "Giornata Mondiale delle Malattie Reumatiche", ha redatto un decalogo: “Più che di regole - ha spiegato Montecucco - si tratta di dieci campanelli di allarme, in presenza dei quali è bene rivolgersi al medico di famiglia, che deciderà per un'eventuale visita specialistica reumatologica”.

Ecco i disturbi che devono essere controllati e che richiedono qualche accertamento:

    1. Dolore e gonfiore alle articolazioni delle mani e/o dei polsi che persiste da più di tre settimane.

    2. Rigidità articolare che dura più di un’ora al mattino, dopo il risveglio.

    3. Gonfiore improvviso, associato o meno a dolore e arrossamento locale, di una o più articolazioni in assenza di trauma.

    4. Nel giovane: dolore di tipo sciatico fino al ginocchio che va e viene, cambiando anche di lato, che aumenta durante il riposo notturno e si attenua con l'attività fisica.

    5. Sbiancamento delle dita delle mani all'esposizione al freddo o per variazioni climatiche o per emozioni.

    6. Sensazione di secchezza o di sabbia negli occhi associata a secchezza della bocca e a dolori articolari o muscolari.

    7. Arrossamento al viso, su naso e guance o attorno agli occhi, peggiorato dall’esposizione solare anche lieve e associato a dolori articolari.

    8. Nell’ultracinquantenne: improvvisa comparsa di dolore a entrambe le spalle, con impossibilità di pettinarsi o allacciare il reggiseno, e anche con difficoltà ad alzarsi da una poltrona, specie se accompagnato da mal di testa e calo di peso.

    9. Nella donna in post-menopausa o nel paziente che assume cortisone: dolore improvviso alla schiena particolarmente dopo uno sforzo o il sollevamento di un peso.

    10. Nei soggetti affetti da psoriasi o con familiari affetti da psoriasi: comparsa di dolore alle articolazioni o alla colonna vertebrale o al tallone.

Se presentate anche solo uno di questi disturbi, ditelo al vostro medico. La diagnosi precoce è forse, come spesso accade in questi casi, uno dei pochi rimedi per cercare di arginare la situazione. Con opportuni farmaci è oggi possibile rallentare l'evoluzione e impedire il danneggiamento irreversibile delle articolazioni che porta all'invalidità. «Per questo una diagnosi corretta e tempestiva può cambiare il destino delle persone affette da malattie reumatiche» ha dichiarato Antonella Celano, presidente dell’Associazione nazionale dei malati reumatici (ANMAR).

Quindi, con decalogo sotto mano, auto-analizzatevi, parola d'ordine diagnosi precoce.

Lazzaro Langellotti