HIV, il 60% dei malati è donna

immagine

Un’altra ricerca aveva dimostrato che le donne si infettano meno degli uomini perché ricorrono con più facilità ai test Hiv.

Eppure, su 33 milioni di affetti da AIDS nel mondo, 17 sono donne tra i 15 e i 49 anni. Poco più della metà, il 60% delle persone. La differenza di genere si riscontra soprattutto nell’impatto della malattia e nella risposta: le donne hanno dimostrato differenze nella carica virale dell’Hiv, nella farmacocinetica dei medicinali e nei loro effetti collaterali.

Il comportamento del proprio partner è il fattore di maggior rischio per molte donne. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il contagio del virus da uomo a donna nel corso di un rapporto sessuale ha una possibilità due volte superiore di verificarsi rispetto alla trasmissione da donna a uomo. E le donne più giovani corrono maggiori pericoli.

In più, mettiamoci il fattore psicologico. Le ricerche affermano che le donne soffrono molto di più degli uomini per i pregiudizi e le discriminazioni e trovano maggiori difficoltà nell’affrontare la situazione.