Se vuoi metter su famiglia, niente erba

immagine

Ancora una volta dito puntato contro le sostanze cannabinoidi. La marijuana, per intenderci.

In questo caso, la scoperta riguarda la fertilità del maschio, che potrebbe essere messa a dura prova proprio dalle sostanze costituenti la marijuana.

A sostenerlo è lo studio condotto in collaborazione tra ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche - Istituto di chimica biomolecolare (Icb-Cnr), Istituto di cibernetica (Ic-Cnr) e Istituto di biochimica delle proteine (Ibp-Cnr) - e dell’Università di Roma Tor Vergata e pubblicato dalla rivista Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences.

La ricerca ha dimostrato come nel topo il sistema endocannabinoide – quello sul quale agisce anche la marijuana – sia coinvolto nel processo della spermatogenesi. Con una tale studio, si sono aperti nuovi scenari riguardo la comprensione dei fenomeni di oligospermia o azospermia (drastica diminuzione o totale assenza del numero di spermatozoi), soprattutto nei pazienti che hanno un normale assetto cromosomico e nessun difetto genetico conosciuto o patologie occlusive.

Resta fermo il fatto che le potenziali cause della ridotta fertilità maschile sono da ricondurre per il 60% a una origine genetica e per il restante 40% a malformazioni occlusive o che sfuggono alla classificazione.

Germana Carillo