Con il viagra rosa cala il desiderio sessuale

immagine

Viagra per le donne? No grazie! La pillola rosa dell’amore non avrebbe infatti avuto gli effetti desiderati. Anzi, si sarebbe rivelato un vero e proprio flop.

Non solo, pare, ha reso leggermente più insoddisfacenti i rapporti – cosa ovviamente del tutto soggettiva – ma ha comportato anche svariati effetti collaterali: sonnolenza, depressione, vertigini e addirittura svenimenti, tanto che la FDA, Food and Drug Administration, sta giustamente pensando di ritirarla dal mercato.

Tutte le donne che l’hanno provato hanno avuto queste spiacevoli conseguenze. Se si pensa che il farmaco dovrebbe far fare scintille a letto e invece concilia il sonno, siamo proprio messi bene!

La tanto aspettata pillolina UK-414,495 che, fino a pochi mesi fa, era solo un prototipo, già faceva storcere il naso a parecchi medici. Chissà poi solo nella sua versione rosa. In ogni caso se il viagra blu ha poteri magici sulla libido, quello per le donne non risveglia né il piacere né il corpo.

Anzi, come sue conseguenze, non solo sonnolenza, ma anche stanchezza e il famigerato mal di testa che forse gli uomini speravano di scongiurare nelle loro partner forse non più attive a letto come i primi tempi, facendo ingurgitar loro la fantomatica pastiglietta.

Ma, a mio avviso, il problema, oltre al fatto che il viagra per signore non faccia raggiungere il bramato piacere ma, piuttosto, abbia conseguenze deleterie sull’organismo, è sempre lo stesso: perché mai ricorrere alle medicine per risolvere un problema?

Soprattutto in una sfera così delicata come la sessualità femminile, molto più complessa, si sa, di quella maschile: il piacere per noi non è solo fisico, ma prima di tutto mentale. Per raggiungere l’orgasmo non occorre un farmaco, ma il più delle volte, basta semplicemente l’amore e la fiducia nel partner - e in noi stesse.

Occorre un coinvolgimento psichico che possa rompere le barriere del corpo e della mente e che ci permetta di lasciarci andare del tutto. Un’unione così non la si crea artificialmente, ma solo con un rapporto che porti l’intimità creata sotto le lenzuola anche fuori e viceversa.

Quindi prima di inghiottire, come troppo spesso facciamo, pillole di ogni tipo per ogni tipo di malessere, forse bisognerebbe domandarsi perché tante volte si fingano mal di testa o non si riesca a lasciarsi del tutto andare col proprio compagno: ci lasciamo davvero andare anche nella vita di tutti i giorni? Ci dà quella sicurezza che, unica, può aiutarci a farlo impazzire a letto?

È vero che noi donne siamo difficili e forse più esigenti degli uomini. Ma, se è vero che l’amore non è la base di tutto nella vita, permettermi di essere terribilmente romantica nel dire che sicuramente lo è per un sano, globale, coinvolgente e scoppiettante piacere sessuale!

Valentina Nizardo