Sabina Guzzanti riapre la satira post Berlusconi

Fonte Foto: WordPress.com

Il ritorno in Tv di Sabina Guzzanti, dopo quasi dieci anni da "Raiot – Armi di distrazione di massa", programma scomodo bloccato dalla Rai dopo la prima puntata, vicenda di cui il docufilm "Viva Zapatero!" aveva raccontato i retroscena, è stato segnato dalla prima puntata della sua nuova trasmissione "Un due tre stella", andata in onda ieri su La7 in prima serata.

Anticipato da spot promozionali martellanti, il programma non poteva che destare la curiosità dei telespettatori, tutti in attesa di confrontarsi nuovamente con la satira tagliente e le imitazioni della Guzzanti, che di certo ieri sera non ha lasciato nessuno di coloro che si erano sintonizzati su La7 a bocca asciutta.

Per ironia della sorte, ora il direttore della rete televisiva che ospita "Un due tre stella" è lo stesso che capitanava Rai3 proprio nel corso della messa in onda di "Raiot", Paolo Ruffini. Nel corso di un decennio i tempi sono evidentemente cambiati ed alla Guzzanti pare sia stata lasciata piena libertà, fatto salvo per certi eccessi di volgarità.

Ecco allora che la vediamo cimentarsi nell'imitazione del nuovo Capo del Governo, Mario Monti, manovrato dal Presidente Giorgio Napolitano, creando un quadretto davvero efficace che non fa rimpiangere la ormai scontata satira che aveva al centro la figura di Silvio Berlusconi. Senza di lui, fortunatamente, la satira non è morta.

Marta Albè